Sequestrate 6mila mascherine vendute con ricarico del 410%

La vendita indebita avrebbe fornito un extra-profitto di 6.000 euro. Le Fiamme Gialle invitano a segnalare al numero 117 le irregolarità delle vendite nell'ambito dell'emergenza Coronavirus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:26
Mascherine sequestrate dalla guardia di Finanza

In piena emergenza sanitaria, c’è anche chi sfrutta la pandemia di coronavirus per fare indebiti guadagni sulle paure della gente. E’ quanto scoperto dalla Guardia di Finanza che, in provincia di Lecce, ha sequestrato 6mila mascherine e denunciato due uomini: il primo per frode in commercio e l’altro per manovre speculative sul prezzo di vendita, indebitamente aumentato di oltre il 400% del costo di acquisto.

Le operazioni

I due interventi delle Fiamme Gialle sono stati compiuti nei giorni scorsi: in un consorzio agrario a Minervino di Lecce la Compagnia di Otranto ha sequestrate oltre 3.500 mascherine trovate in vendita al dettaglio e non conformi all’etichetta, denunciando il titolare del consorzio per frode commerciale. Nella seconda operazione, altre 2.000 mascherine monouso di tipo chirurgico sono state sequestrate in un negozio di articoli sanitari a Lecce, dov’erano in vendita a 5 euro l’una, con un ricarico del 410% sul prezzo di acquisto (che sarebbe 1,22 euro). La vendita indebita avrebbe fornito un extra-profitto di 6.000 euro. Il titolare della sanitaria è stato segnalato in Procura per manovre speculative sulle merci, punibili con la reclusione da 6 mesi a 3 anni e multa fino a 25.822 euro.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.