GIOVEDÌ 08 NOVEMBRE 2018, 00:04, IN TERRIS

Schiaffi alla figlia di un anno perché "femmina"

Maltrattamenti anche alla moglie: un 30enne afgano è stato condannato dal Gup di Milano

REDAZIONE
Peluche
Peluche
A

vrebbe sottoposto moglie e figlia di appena un anno a continue vessazioni. La piccola, nonostante la tenera età, sarebbe stata presa "a schiaffi" in quanto nata "di sesso femminile e non maschile", come il padre avrebbe voluto. La moglie, che il 30enne afgano ha sposato quando lei aveva 15 anni, sarebbe stata costretta a subire una lunga serie di violenze: calci e pugni, percosse con una cinghia e stupri. Per maltrattamenti, lesioni e violenza sessuale l'uomo è stato condannato dal gup di Milano Guido Salvini a 3 anni e 8 mesi di carcere in abbreviato. La donna e la figlia - come riferisce La Repubblica - ora sono in una comunità.

La bambina è nata nel febbraio 2017 e, secondo l'acusa, sarebbe stata oggetto di "atti di violenza fisica e psicologica". In particolare, dallo scorso 5 marzo e "in più occasioni, adoperava violenza - si legge nell'imputazione - sulla figlia minore prendendola a schiaffi in quanto di sesso femminile e non maschile, come il padre avrebbe voluto". Più volte, poi, avrebbe minacciato la moglie dicendole "se chiami la polizia ti uccido", "ti butto giù dal balcone" e "anche in presenza della figlia minore, la percuoteva con calci e pugni, con il cavo del carica batterie e con una cinghia di una borsetta, e più volte le imponeva di non alzare lo sguardo da terra". Era imputato anche per lesioni, perché avrebbe ferito la moglie con un coltello alla gamba destra, "dicendole che gli 'andava di farlo' e in un'altra occasione le provocava delle ecchimosi colpendola con il caricabatterie del cellulare e con il laccio di pelle di una borsa". L'uomo è stato condannato anche per sequestro di persona: si legge, infatti, che avrebbe chiuso a chiave la moglie "dentro l'abitazione, impedendole di uscire" in più occasioni, tra marzo e fine giugno scorso. Infine, anche le violenze sessuali contestate perché "in tre occasioni" la avrebbe costretta a subire abusi. Il giudice ha condannato l'afgano per tutti i reati a 3 anni e 8 mesi di carcere in abbreviato, ossia con lo sconto di un terzo previsto dal rito sulla pena. E anche al risarcimento danni alla moglie, parte civile anche per la figlia.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Malpensa
MILANO

Scappa dall'aereo prima del rimpatrio, caos a Malpensa

Un egiziano di 30 anni ha fatto perdere le sue tracce: era arrivato in Italia senza documenti e stava per essere rispedito...
L'ambasciata Onu a Gaza
GAZA

Tre carabinieri rifugiati nel consolato Onu

I militari sono sospettati di appartenere alle forze speciali israeliane. Stallo sciolto nella notte
Bandiere brtianniche ed europee fuori dai Comuni
BREXIT

I Comuni bocciano il piano May

Accordo con l'Ue stroncato: 432 no, 202 sì. La premier resiste: "Non mi dimetto". Ma Corbyn chiede la...
Auto in fiamme nei pressi del Dusit di Nairobi
KENYA

Nairobi, ancora incerto il numero delle vittime

Si temo almeno 14 morti in un attacco al Dusit, operazioni dell'antiterrorismo ancora in corso. Al-Shabab rivendica
Aleksandar Vucic
EX JUGOSLAVIA

Dialogo col Kosovo: Vucic detta le condizioni

Il premier serbo: "Via i dazi sul nostro import". Pressing americano su Pristina
Petr Cech
PREMIER LEAGUE

Cech ai saluti, 15 anni da leggenda

Il portiere ceco annuncia il ritiro a fine stagione. Una carriera sempre al top, nonostante il gravissimo infortunio