Scatta le foto ai bambini in spiaggia, denunciato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Ogni volta che emergono vicende di questo genere il ribrezzo non è mai troppo. Non ci si abitua mai a situazioni che mettono in pericolo bambini e bambine. L'ultima denuncia per detenzione di materiale pedornografico arriva dalla Sardegna. E riguarda un uomo di 65 anni.

La ricostruzione del fatto

Si trovava in una spiaggia di Quartu Sant'Elena con la sua macchina fotografica. Inizialmente gli adulti presenti non gli avevano prestato attenzione, le cose sono cambiate quando un uomo ha notato che l'anziano stava scattando delle immagini che ritraevano i bambini presenti sul litorale. Infatti poi nella sua fotocamera la polizia ha trovato gli “scatti rubati”, le foto dei bambini che giocavano in spiaggia. Come detto l'uomo era stato notato da alcune persone mentre si aggirava nella zona, qualcuno lo ha visto mentre scattava con la macchina fotografica, e non con il telefonino come inizialmente appreso, le foto ai bimbi. Un papà si è avventato su di lui, bloccandolo. Intanto sul posto sono arrivati gli agenti della squadra volante. Il 65enne è stato portato in Commissariato dove è stato sentito a lungo dalla polizia. I poliziotti hanno verificato il contenuto della memoria della macchina fotografica, dove sono state trovate le foto dei piccoli. La polizia ha anche perquisito la sua abitazione e sono stati sequestrati computer e supporti informatici che saranno analizzati per verificare l'eventuale presenza di materiale pedopornografico. 

Il precedente

Stessa identica situazione disgustosa a Rimini. L'unica cosa che cambia è l'età, a scattare le foto in questo caso era addirittura un uomo di 80 anni. Il turista originario di Modena ha rischiato il linciaggio da parte di mamme e papà inferociti. Quando genitori e bagnini hanno telefonato chiedendo un intervento alle divise, le forze dell’ordine (in borghese) in pochi minuti hanno “accerchiato” il fotografo da spiaggia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.