Scatta la rissa in discoteca: un ragazzo spara e ferisce 10 persone

Dieci giovani sono rimasti feriti in una sparatoria avvenuta la notte scorsa nel discopub Yachting club di San Vito, a Taranto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:58

Dieci giovani sono rimasti feriti, nessuno sarebbe in gravi condizioni, in una sparatoria avvenuta la notte scorsa nel discopub Yachting club di San Vito, a Taranto: a quanto si apprende, nel locale era in corso una serata organizzata da studenti universitari, con la presenza di oltre 300 persone.

La rissa e la sparatoria

Secondo una prima ricostruzione, al culmine di una rissa scaturita dal litigio tra due gruppi di giovani, uno di Grottaglie e l’altro del quartiere Tamburi intorno alle 2 della notte scorsa, un ragazzo avrebbe impugnato una pistola calibro 9 cominciando a sparare e colpendo quattro ragazze e sei ragazzi tra i 20 e i 28 anni. Tutti i feriti sono stati trasportati in ospedale con ambulanze del 118 e nessuno sarebbe in gravi condizioni.

Sul posto sono intervenute pattuglie della Squadra Mobile e della Squadra Volante. Gli inquirenti hanno visionato le immagini delle telecamere di videosorveglianza del locale a cui è annesso anche uno stabilimento balneare. La Squadra mobile di Taranto avrebbe già identificato l’autore della sparatoria.

Tre ragazzi già dimessi

Tre dei dieci giovani feriti avvenuta la notte scorsa sono già stati dimessi dall’ospedale Santissima Annunziata. Altri due sono in osservazione al pronto soccorso e i rimanenti cinque sarebbero stati trasferiti nei reparti. Alcuni di loro sono stati colpiti dai proiettili, altri – secondo le prime e frammentarie notizie che filtrano dagli ambienti investigativi – si sarebbero procurati lesioni durante la ressa che si è creata. Alcuni dei feriti sarebbero stati sottoposti a intervento chirurgico per l’estrazione dei proiettili. Nessuno sembrerebbe essere in pericolo di vita. Ma poteva essere una strage.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.