Sbagliare alla cassa self service può costare il carcere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Una ragazza di Strasburgo è finita in prigione, assieme al padre, per essersi sbagliata a passare degli articoli alla cassa self service dell’Ikea. E' l'incredibile storia raccontata dalla stessa malcapitata, Émilie Guzzo, sul proprio profilo Twitter.

L’acquisto 

“Adesso vi racconto come sono finita in custodia cautelare a causa dei tupperware di Ikea – comincia l'odissea di Émilie -. Lunedì scorso sono andata all’Ikea con mio padre per comprare dei barattoli di vetro che avevamo visto online, ne restava solo qualcuno sullo scaffale, ne abbiamo presi quattro che erano chiusi con un coperchio (dettaglio importante per il seguito). Dunque avevamo da pagare i barattoli più qualche oggetto per la casa. Andiamo alla cassa per pochi articoli e passo lo scanner su quelli che pago io e poi su quelli di mio padre tra i quali i quattro barattoli, mentre chiacchieriamo. Usciamo dalla cassa e l’agente della sicurezza ci ferma dicendo che abbiamo passato male lo scanner sui barattoli. Lo lasciamo controllare e in effetti c’era un prezzo sul coperchio e un altro per il barattolo, io non me ne ero accorta dunque dico all’agente che è colpa mia, li ho presi assieme così com’erano e non ho controllato. Mio padre vuole comunque pagare subito i quattro barattoli, il tipo dice venite con me all’ingresso, devo solo avvisare il mio superiore per il pagamento (cominciano i problemi)”.

Dal direttore

“Avverte il direttore che dice 'non muovetevi arrivo', io aspetto tranquilla con il carrello accanto a me. Il direttore (svedese credo) chiede a mio padre che cosa è successo, lui lo racconta da capo e si scusa ancora, vuole pagare. Ma il direttore guarda mio padre e gli dice: 'insomma avete rubato'. Mio padre risponde 'no, le dico che non abbiamo fatto attenzione, colpa nostra, ma non abbiamo voluto rubare', ma il direttore continua trattandoci da ladri e mio padre comincia a innervosirsi. Mi dico che forse è meglio intervenire e dico 'mi spiace colpa mia ho passato male gli articoli' e lui che cosa mi risponde? 'Dunque sei tu la ladra!!' E mio padre si arrabbia ancora di più. Il direttore dice 'quindi non ammettete che avete voluto rubare, allora faccio una deposizione di furto', mio padre dice 'ovviamente non la firmiamo', il direttore dice 'ok chiamo la polizia'”.

La polizia e il commissariato

“Dunque – prosegue il lungo tweet – ci mettono in una sala, il direttore chiama la polizia, mio padre mi dice 'che cosa vuoi che ci facciano, non abbiamo fatto niente' (che ingenua, gli ho creduto). La polizia arriva, una donna con i suoi allievi poliziotti, siamo restati con loro ma nessuno ci ha rivolto la parola, l’agente ha parlato solo con il direttore, mi dicevo finalmente torniamo a casa ma invece che succede? La poliziotta viene da me e mi dice 'la portiamo via per furto organizzato, adesso arriva un’altra pattuglia per trasportare suo padre, lei viene con me' e aggiunge 'se provi a scappare ti sparo con il taser'. Faccio il viaggio in macchina verso il commissariato, nessuno mi parla, mi chiedono solo se ho bevuto”.

Il racconto prosegue in commissariato. “Ci dicono che staremo in cella 24 ore, mio padre cerca di spiegare di nuovo la situazione, dice che il giorno dopo deve lavorare e io pure, nessuno ci ascolta. Comincio a diventare bianca, ripeto che ho solo sbagliato a passare lo scanner sul prezzo dei barattoli”, racconta Émilie. Segue la perquisizione: le tasche svuotate, i lacci delle scarpe tolti così come il reggiseno, infine la permanenza in cella descritta come “minuscola e sporchissima”. Poi cambia il turno al commissariato, il padre dice al nuovo agente “ma noi abbiamo solo sbagliato a passare lo scanner su quattro barattoli”. L'uomo finalmente comprende che quei due non erano malviventi prezzolati: avvisa i superiori e la giudice e padre e figlia escono dopo tre ore in cella. “Fate attenzione alle casse, passate bene i vostri articoli e non dimenticate che potete andare in custodia cautelare per dei barattoli”, conclude ironicamente Émilie.

Le scuse tardive

Il tweet è diventato subito virale provocando grande indignazione. Dopo migliaia di condivisioni e proteste online, Ikea France ha deciso di scusarsi e di ritirare la denuncia nei confronti dei due poveri acquirenti. “Privilegiamo sempre il dialogo e ci rincresce sinceramente per questa situazione – ha twittato Ikea France -. Ci impegniamo a ritirare la nostra denuncia e presentiamo le nostre scuse”. Troppo tardi ormai: difficilmente padre e figlia rimetteranno piede in un negozio Ikea.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.