“Samara Challenge”, l'ignobile “scherzo” a tinte horror

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Sembra non esserci fine alle nuove folli, ignobili e vergognose tendenze che spingono i ragazzi a comportamenti sempre più sciocchi. L'ultima è ispirata a un film dell'orrore, “The Ring”, che ha per protagonista una bambina di nome Samara Morgan dai lunghi capelli neri che le coprono il volto, la pelle di un pallore cadaverico e con indosso un lungo lenzuolo bianco. Chi vi prende parte deve vestirsi come lei e andare in giro di sera o di notte a spaventare le persone anche inseguendole con in mano un coltello che dovrebbe essere finto, farsi filmare e pubblicare il video sui social.

Reazioni violente

Ma la fame di like in Rete rischia anche in questo caso di mettere nei guai gli autori dello scherzo, più volte infatti la reazione delle vittime della challange è stata a suon di calci e pugni. Si sono già registrati diversi episodi di questo gioco, prima in Sicilia, poi in Calabria, Campania, fino a Roma. A Napoli un anziano si è sentito male per lo spavento, mentre a Ponticelli e Scampia il malcapitato autore dello scherzo è stata inseguito da gruppi di ragazzi in motorino che non devono aver apprezzato il suo gioco e hanno lanciato oggetti. A Gragnano una ragazzina è stata inseguita e picchiata dalla folla.

Samara a Roma

Anche nella Capitale il gioco ha portato a reazioni sopra le righe. Dopo diverse “apparizioni” della bambina di “The Ring” a Centocelle, Pigneto, San Lorenzo, Casal Bruciato e zona est di Roma, qualcuno ha risposto con la violenza. A Parco Meda, nel IV Municipio di Roma, i presenti l'hanno rincorsa, mentre a San Basilio alcuni ragazzi hanno sferrato dei calci. Purtroppo a una mania stupida, spesso seguono comportamenti stupidi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.