Ruba in un condominio ma lo trovano in garage ubriaco

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

L'alcool fa male. Lo ha capito, a proprie spese, un ladro che, entrato in un condominio per rubare è passato prima per le cantine. Risultato: è rimasto lì ad ubriacarsi fino all'arrivo della polizia.

La sorpresa

L'assurda vicensa è avvenuta qualche giorno fa a Menzingen, nel cantone svizzero di Zugo. Secondo quanto riportato dalla polizia svizzera, gli agenti erano stati chiamati da un residente del condominio che aveva segnalato la presenza di un estraneo nel garage sotterraneo. Quando i poliziotti hanno fatto irruzione, hanno trovato il ladro ubriaco fradicio, tanto da rendersi necessario il ricovero in ospedale. A quanto pare l'uomo – uno svizzero di 38 anni residente da anni all'estero – invogliato dalla presenza delle bottiglie, avrebbe passato diversi giorni nei sotterranei tracannando alcol a più non posso. Tra i vini sottratti al legittimo proprietario, anche un Dom Pérignon e diverse bottiglie di Château Mouton Rothschild, per un valore complessivo di 2000 franchi svizzeri. Anceh da brillo aveva evidentemente buon gusto. Il 38enne dovrà ora rispondere del furto davanti al Ministero pubblico del canton Zugo.

Il precedente

Non è la prima volta che l'uso (o abuso) di alcool provoca danni. Lo scorso agosto un 37enne è stato fermato dalla Polstrada di Verona ed è stato trovato positivo all’etilometro durante un controllo sulla provinciale 11. A quel punto, per evitare che l’auto venisse sequestrata e poter tornare a casa, l’uomo ha chiesto aiuto al apdre, il quale è arrivato poco dopo guidando la sua auto. Peccato che anche lui era in evidente stato di ebbrezza. Quando gli agenti gli hanno fatto il test, lo hanno infatti trovato positivo all’etilometro con un valore quasi doppio rispetto al consentito: buon sangue non mente. I due uomini sono tornati a casa grazie all'intervento della madre (e moglie) che li ha riportati a casa, comprensibilmente sconvolta, ma sobria.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.