Roma, un incidente stradale da incubo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Che un incidente sia un evento probabile nella vita di chi ha la patente è fuori discussione. D'altronde, si sa, in strada le responsabilità in molte occasioni sono da suddividere fra vari responsabili. Però, ed questo, il caso le reazioni ad unincidente sono vergognose, veramente da brividi. Come nella vicenda di un conducente romano.

La ricostruzione del fatto

Si ribalta con la sua Porsche Boxer (per cause ancora da chiarire), riesce a salvarsi, ma lascia la donna che era con lui, forse un'amica, forse la compagna, gravemente ferita e incosciente all'interno dell'abitacolo dell'automobile. L'incidente stradale con omissione di soccorso è avvenuto una manciata di giorni fa in via dei Monti di Primavalle, periferia di Roma. Alla guida della vettura c'era un uomo di 41 anni, che, subito dopo l'incidente, probabilmente per paura, è scappato e ha lasciato una ragazza incosciente e gravemente ferita dentro la Porsche. Soccorsa dagli operatori sanitari del 118, la donna è stata trasportata al Policlinico Gemelli in gravi condizioni. Intanto il responsabile, che si era rifugiato a casa di un amico, è stato individuato e anche lui, rimasto ferito in seguito all'incidente, è stato accompagnato al Policlinico Gemelli in codice rosso. Rischia un'accusa per omissione di soccorso, per ora. L'uomo è stato rintracciato con addosso ancora gli abiti sporchi di sangue dagli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale gruppo Nomentano. L'incidente è avvenuto questa mattina alle 4.30 precisamente in via dei Monti di Primavalle. La donna è tuttora ricoverata in prognosi riservata e le sue condizioni sono gravi, mentre il 40enne, grave anche lui, è piantonato costantemente dagli agenti. Ecco quanto è accaduto. Ora non resta che aspettare che la dinamica dell'incidente venga ricostruita, mentre al signore auguriamo il più profondo e sincero dei pentimenti. Visto che è inumano lasciare, sola, una donna che rischia la vita in strada. 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.