Quel furto che umilia i ragazzi Down

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:57

Un bruttissimo episodio quello accaduto a Roma, in zona Quadraro, dove opera da anni la Locanda dei Girasoli, il ristorante gestito da ragazzi Down: il locale è stato infatti colpito due giorni fa da un grave furto, a opera di un gruppo di persone non ancora identificate che, dopo essersi introdotte all'interno, hanno sottratto computer, stampanti e, per finire, l'incasso della sera prima, pari a circa 2 mila euro. Un brutto gesto commesso non solo nei confronti di un'attività ristorativa ma anche contro ragazzi che fanno del loro meglio per dare un contributo alla società e per dare a se stessi una la possibilità di inserirsi nel mondo del lavoro. La Locanda dei Girasoli infatti, aperta nel 1999, dà lavoro a ragazzi affetti da sindrome di Down o autismo, ai quali viene offerta l'occasione di un percorso di integrazione e di formazione di prim'ordine.

La Locanda ha da tempo denunciato il rischio chiusura, circostanza che ha mobilitato spontaneamente l'opinione pubblica, la quale si è impegnata in appelli e raccolta di firme per impedirlo anche perché, dal 2013, grazie al supporto di altre imprese sociali il locale ha saputo rilanciarsi implementando le attività del ristorante, ottenendo grande risalto anche fuori dai confini nazionali. Il problema principale risulta nella collocazione del ristorante, situato in una zona periferica (l'area è il quadrante Tuscolano della Capitale, in una zona prettamente residenziale) e con difficoltà di accessibilità. I gestori, per questo, si sono impegnati nel chiedere all'amministrazione una diversa collocazione, in una zona più centrale.

Il furto compiuto al suo interno, però, costituisce un atto davvero deprecabile, considerando l'importanza del progetto e gli sforzi fatti per raggiungere tali risultati. “Nemmeno questo episodio ci toglierà la nostra allegria”, hanno detto dalla Locanda. E, infatti, il giorno dopo il locale era di nuovo aperto, pronto a offrire il suo solito servizio impeccabile e con la solita allegria. La miglior risposta a quanto subito.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.