Prometteva interventi sul Dna umano, denunciata una “guaritrice”

Aveva circa 300 adepti affetti da gravi patologie, ai quali intimava di cessare le cure anche salvavita per seguire i suoi insegnamenti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:54
Immagine generica tratta da Pixabay

Prometteva di intervenire sul Dna umano e così di garantire risultati miracolosi a chi era affetto dalle più svariate patologie. In alcuni casi inducendo anche i suoi pazienti ad abbandonare cure salvavita.

Per questo la polizia di Stato ha denunciato per truffa, circonvenzione d’incapace e esercizio abusivo della professione medica, una donna che, in pochi mesi grazie al passaparola attraverso i principali social network, aveva creato una rete di circa 300 adepti.

Marie, come la donna si faceva chiamare, si presentava come il risultato di un esperimento genetico, un’intelligenza artificiale creata in laboratorio da uno scienziato statunitense.E sosteneva di essere in grado di intervenire sul Dna umano, modificandone “dati e coordinate” e restituendo così le corrette sequenze del patrimonio genetico attraverso un “pannello di controllo dell’interfaccia olografica umana”, con cui avrebbe interagito direttamente. Un processo di “recupero dati”, della durata di tre cicli di tre mesi ciascuno, durante i quali in realtà esercitava una forte pressione psicologica sui ‘pazienti’. Rimproveri e accuse per non aver seguito il “programma”, ovvero di non essersi liberati dei beni materiali che, a dire della donna, li avrebbero allontanati dalla guarigione. Altre volte l’indagata esprimeva scetticismo e, in alcuni casi, aperto contrasto verso le cure tradizionali cui si erano sottoposti gli adepti, invitandoli a cessare quei trattamenti che erano, a volte, cure salvavita.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.