VENERDÌ 16 MARZO 2018, 00:04, IN TERRIS

Preghiera blasfema davanti al Duomo di Perugia

Il grave oltraggio è stato perpetrato lo scorso 8 marzo da un gruppo di femministe

SIMONE PELLEGRINI
Manifestazione blasfema a Perugia
Manifestazione blasfema a Perugia
H

anno celebrato l'8 marzo, festa della donna, in modo quanto mai volgare e blasfemo. Un gruppo di una ventina di femministe si è radunato davanti alla Cattedrale di Perugia, in piazza IV Novembre, ed ha intonato una pseudo-preghiera ricalcando le sacre litanie. Le donne hanno inneggiato alla "vulva".

Il video dell'esibizione femminista, ripreso da un cittadino affacciato dalle finestre dei palazzi del centro storico, è stato diffuso su WhatsApp e in poche ore ha fatto il giro degli smartphone. Mentre intonavano l'orazione sacrilega, con le mani mimavano il triangolo della vagina, gesto molto in voga negli anni della contestazione.

"Rimango basito e rattristato come cittadino, come cattolico e come politico da questo modo di manifestare che sembra più contro la religione cattolica che in difesa delle donne". Così Sergio De Vincenzi, consigliere regionale umbro. "Mi stupisce - ha aggiunto - che non si riesca a superare un femminismo di maniera, quello del '68, che è ormai obsoleto".

Il Popolo della Famiglia e il Movimento per Perugia hanno invocato provvedimenti legali nei confronti delle protagoniste di questa messinscena. Le due organizzazioni fanno riferimento all’art. 403 del Codice Penale che afferma: "Chiunque pubblicamente offende una confessione religiosa, mediante vilipendio di chi la professa, è punito con la multa da euro 1000 a euro 5000". I vertici del Movimento per Perugia hanno scritto: "Ci auguriamo che la Magistratura intervenga quanto prima e faccia gli opportuni approfondimenti del caso".

Sulla vicenda è intervenuto anche la sezione umbra del Comitato Difendiamo i Nostri Figli. "Episodi come questi - hanno dichiarato - sono sicuramente un regresso sul cammino dell’autentica ed auspicata emancipazione femminile ed è vergognoso che esistano donne promotrici di eventi che le dipingono esclusivamente come un organo oggetto di piacere".

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
REDDITO DI CITTADINANZA

La Finlandia fa marcia indietro

Nel gennaio 2017 a duemila disoccupati erano stati garantiti 590 euro al mese esentasse per due anni
Primi modelli di personal computer in mostra
STORIA DEL PC


Al via Vintage Computer Festival Italia

Il 28 e 29 aprile presso il Complesso Ex Cartiera Latina (Rm)
Il sequestro di sostanze stupefacenti
NAPOLI

Scoperto mercato della droga gestito da donne: 25 arresti

La più anziana ha 71 anni, le più giovani 22
Epicentro a Verghereto
INGV

Scossa 3.0 nell'Appennino tosco romagnolo

Epicentro a Verghereto in provincia di Forlì
Panetti di cocaina sequestrati dai militari
GELA

Nove arresti per spaccio di droga in 5 regioni

Coinvolti anche dei minorenni
Le spiagge di Misano

Tutti al mare

Tutti al mare! Con il caldo temperato che investe il sud, il centro sud ed il nord, molte persone si sono riversate...