LUNEDÌ 13 GIUGNO 2016, 000:04, IN TERRIS

IN CAMPO CON I PANTALONI DI SPONGEBOB: SQUALIFICATO

AUTORE OSPITE
IN CAMPO CON I PANTALONI DI SPONGEBOB: SQUALIFICATO
IN CAMPO CON I PANTALONI DI SPONGEBOB: SQUALIFICATO
Indossare dei pantaloni gialli con la faccia di SpongeBob, noto personaggio d'animazione, è costato sei mesi di squalifica a Sosha Makani, il 29enne portiere del Persepolis, una squadra di Teheran che milita nell'Iran Pro League (la Serie A iraniana). L'atleta, che ha fatto parte anche della nazionale, è stato punito dal comitato per la moralità della Federcalcio iraniana per una foto circolata sul web, come hanno spiegato alcuni siti iraniani che si occupano di sport.

"Sosha squalificato per sei mesi a causa dei pantaloni gialli", ha titolato Varzesh3, mentre l'agenzia Asriran ha sottolineato che "SpongeBob causa sei mesi di stop per Sosha". Entrambi hanno spiegato che il comitato ha definito "inappropriati" i pantaloni indossati da Makani con disegnata la spugna marina protagonista dell'omonimo cartoon. Già il mese scorso la stampa aveva riferito che il portiere era sotto esame da parte della Federcalcio. Le autorità iraniane sono sempre molto sensibili ai look delle star delle cinema e dello sport, in particolare sui social network.

Un funzionario anonimo del comitato, intervistato da Varzesh3, ha sostenuto che Makani si sarebbe rifiutato di recarsi in Federazione per discutere della questione. "Abbiamo preso questa decisione a causa del suo aspetto e dell'impatto che può avere sulla società", ha dichiarato il funzionario. Gli iraniani hanno reagito con incredulità, indignazione e sarcasmo alla notizia della squalifica. Un utente su Twitter ha commentato ironicamente che Makani è stato fortunato a ricevere solo sei mesi di squalifica perché se avesse indossato i boxer di SpongeBob sarebbe stato condannato a morte. Un commentatore sul sito di Asriran ha criticato la Federcalcio, sottolineando che, mentre a livello globale tutti gli organi calcistici indagano sui fenomeni di corruzione, in Iran ci si occupa del taglio di capelli o dell'abbigliamento dei calciatori. Makani non è nuovo a guai con la giustizia. A gennaio era stato arrestato per altre foto circolate sul web che lo ritraevano insieme a donne non velate.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Papa Francesco incontra il clero locale nella Cattedrale di Santiago del Cile Photo © Vatican Media
PAPA IN CILE

"In Gesù le nostre piaghe sono risorte"

Testo integrale del discorso del Pontefice ai religiosi, consacrati e seminaristi nella Cattedrale di Santiago
Papa Francesco nel Carcere femminile di Santiago del Cile benedice i bambini Photo © Vatican Media
PAPA IN CILE

"La maternità non è e non sarà mai un problema"

Il Pontefice in visita al carcere femminile di Santiago: "La sicurezza pubblica si costruisce con il lavoro"
Papa Francesco saluta le detenute del Carcere femminile di Santiago del Cile Photo © Vatican Media
PAPA IN CILE

"Siete privi di libertà non della dignità"

Testo integrale del saluto del Pontefice alle detenute del Carcere Femminile di Santiago del Cile
Milano, i Vigili del fuoco sul luogo della tragedia
TRAGEDIA SUL LAVORO

Milano, tre operai morti intossicati in fabbrica

Si aggrava il bilancio dell'intossicazione nello stabilimento metalmeccanico: gravissimo il quarto lavoratore
Kosovska Mitrovica, la scena del crimine
KOSOVO|LEADER SERBO UCCISO

Tensione alle stelle tra Belgrado e Pristina

Oliver Ivanovic assassinato a Kosovska Mitrovica. Vucic ritira la delegazione da Bruxelles
Una delle chiese assaltate in Cile
CILE

Scontri e chiese assaltate: proteste per la visita del Papa

Carabinieri aprono gli idranti contro la "Marcia dei poveri", date alle fiamme altre tre parrocchie