“Portano sfiga”, riconsegnano reperti rubati a Pompei

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:09

“Portano sfiga, riprendeteveli”. E’ questo il messaggio anonimo che accompagnava un pacco con dei reperti archeologici rubati da Pompei che è arrivato sulla scrivania del titolare di un’agenzia di viaggi della città. L’uomo dopo un primo momento di stupore ha consegnato i preziosi materiale ai carabinieri del posto fisso del parco archeologico. Il pacco conteneva due tessere di mosaico, un pezzo di ceramica e due pezzi di anfora. 

La lettera

Il furto dei preziosi reperti risale al 2005 quando i malfattori si erano recati in visita nel parco archeologico. Nella lettera viene spiegato che il pentimento è arrivato in seguito a una serie di eventi negativi capitati nella loro vita. “Ero giovane e stupida. Ho preso un pezzo di storia cristallizzato nel tempo e che in esso ha tanta energia negativa”. La donna, che scrive dal Canada, racconta di aver avuto due volte il cancro al seno e la sua famiglia ha avuto guai finanziari. Secondo lei, sarebbe colpa di una maledizione che accompagnava i reperti rubati. “Un giorno tornerò nel vostro bellissimo Paese per scusarmi di persona”.

Maledizione? Sfortuna? Reato?

Sicuramente non si può ironizzare o scherzare sui gravi problemi di salute che ha avuto la donna, rea confessa del furto dei preziosi reperti di Pompei. Quello che però sembra evidente che il furto e i problemi di salute della donna non hanno nessun collegamento. Rubare è un reato e trafugare dei pezzi così importanti è anche un danno per le altre persone che non avranno mai la possibilità di ammirare quei frammenti di storia che sono più unici che rari.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.