Picchiati per uno sguardo di troppo, la furia del branco contro due ragazzi

Denunciato per lesioni gravi un ventenne. I Carabinieri indagano per trovare i complici

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:01
ragazzi

Avrebbero rivolto loro “uno sguardo di troppo“, per questo un “branco” ha aggredito e malmenato due giovani di 22 e 23 anni che, soccorsi dai Carabinieri sono stati accompagnati al pronto soccorso dell’Ospedale Cardarelli dove hanno ricevuto le cure del caso. E’ accaduto in provincia di Napoli, davanti a un bar di via Petrarca nella zona di Posillipo.

I fatti

Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, e come riporta anche “La Repubblica”, i due giovani poco più che ventenni, si trovavano davanti a un bar quando avrebbero rivolto uno sguardo di troppo a un gruppo di giovani. Episodio che avrebbe fatto scattare la loro furia: si sono scagliati contro i due giovani e li hanno aggrediti e picchiati causando al 22enne una frattura al polso con una prognosi di 30 giorni per una frattura al polso, mentre il 23enne ha riportato un trauma cranico ed è ancora ricoverato all’ospedale Cardarelli con una prognosi di 5 giorni.

Le denunce

I Carabinieri hanno denunciato per lesioni gravi un giovane di 20 anni incensurato, residente nella zona di Merano, individuato grazie all’analisi dei video di alcune telecamere di sorveglianza. Nel frattempo continuano le indagini per risalire alle altre persone che hanno spalleggiato il ventenne denunciato. La Repubblica, inoltre, sottolinea che una donna su Facebook ha scritto: “Hanno picchiato brutalmente un ragazzo di 22 anni che è all’ospedale con un braccio rotto. Violenza gratuita. Senza motivo. Lo denuncio pubblicamente perché non possiamo continuare a fare finta di niente davanti a questa brutale violenza“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.