Pesce marcio come multa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Ogni giorno abbiamo a che fare con autisti maleducati che parcheggiano nei modi più impensabilmente sbagliati. Quante volte ci è capitato di rimanere bloccati a causa di una vettura senza il guidatore a bordo che ci ostruiva il passaggio. A Roma, ad esempio, non è raro vedere persone che, dopo aver lasciato la macchina in seconda fila, appendono un bigliettino sul parabrezza scrivendo l'indirizzo a cui rivolgersi per spostarla, come se fosse un servizio normale.

L'autista maleducato di St Ives

Quello che è successo nel Regno Unito, però, ha davvero dell'incredibile. Accade a St Ives, in Cornovaglia dove ad un intero comprensorio è stato bloccato per ore il passaggio da una Vauxhall Corsa di colore bianco parcheggiata nel peggiore dei modi a ridosso dell'unico incrocio percorribile, peraltro contromano. I residenti non si sono accontentati della multa redatta dai vigili locali ma hanno deciso di reagire alla maleducazione dell'autista apponendo decine di bigliettini sul parabrezza: c'è chi ha fatto ricorso all'ironia (“tipico parcheggio di un possessore della Vauxhall Corsa”) e chi ha preferito utilizzare direttamente insulti. Tra i messaggi, ne compare uno che invita ad una constatazione ragionevole: “Se non ci sono le strisce segnate sul selciato, un motivo ci sarà”.

Protesta originale

Ma soprattutto, i residenti arrabbiati non si sono limitati ad alzare i tergicristalli in segno di protesta, come è d'usanza in Italia ad esempio, bensì hanno infilato un pesce marcio in uno dei dispositivi applicati al parabrezza. Una variazione all'abituale 'dispetto' all'italiana che si addice al luogo in cui si sono svolti i fatti, un paesino di mare che si affaccia sulla baia del Sud Ovest inglese.

Problema parcheggi

Nella cittadina di 12mila abitanti, che diventa però meta turistica frequentata durante l'estate, quello dei parcheggi risulta essere un problema sentito. Infatti, un posto auto a St Ives arriva a costare anche 60mila sterline. I residenti sono convinti che il proprietario dell'automobile 'decorata' con un pesce morto possa essere un vacanziere. Chissà se avrà voglia di tornare nel paese della Cornovaglia dopo quest'esperienza. O magari, la prossima volta si sforzerà di trovare un parcheggio meno ingombrante per gli altri.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.