ORRORE A MANCHESTER: IMBAVAGLIA IL CANE CON LO SCOTCH E LO STRANGOLA CON IL GUINZAGLIO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Sicuramente il gesto non piacerà agli animalisti o a chi fa campagne contro l’abbandono del proprio animale domestico. Ma nemmeno alle persone comuni. Ha ucciso il suo cane Beau, avvolgendo del nastro adesivo attorno al muso, prima di strangolarlo con il guinzaglio. Poi lo ha sepolto in una buca nel giardino di casa sua a Tyldesley, cittadina della contea di Greater Manchester. La crudeltà è costata ad Hayley Cowan, 22enne, quattro mesi di prigione.

Il caso è venuto alla luce dopo che una delle amiche della ragazza si è rivolta alla polizia per essere stata testimone, qualche mese fa, di una violenza nei confronti dello Staffordshire Bull Terrier, preso a calci sul muso dalla sua proprietaria. In quell’occasione, lo scorso ottobre, Beau era stata data in custodia all’amica. Poco dopo il cane –dietro promessa della 22enne di prendersi cura di lui e non fargli più del male – era stato riconsegnato alla proprietaria.

La mattina dopo, Hayley ha chiamato l’amica per dirle che Beau era scappato. Una bugia tenuta in piedi per tre settimane, quando la 22enne ha ammesso di averla uccisa e sepolta in giardino di casa. Il tribunale ha condannato la ragazza a 4 mesi di reclusione, ha inoltre stabilito che non potrà più avere un animale domestico per tutta la vita e condannato la giovane a pagare alla Rspca – Royal society for the prevention of cruelty to animals (organizzazione britannica specializzata nel soccorso, benessere e prevenzione contro le crudeltà sugli animali) – 500 sterline per spese processuali.

Secondo quanto riportato dal “Manchester Evening New”, l’investigatore che si è occupato del caso, Vicki McDonald, spera che “la sentenza evidenzi la gravità del caso e dia alla giovane l’opportunità di riflettere sulle sue azioni contro un cane indifeso”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.