Comprano online un gatto Savannah: l’amara sorpresa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:09

La pratica di fare acquisti online, negli ultimi anni, ha preso sempre più campo. Sono molte le persone che si affidano a diverse piattaforme web per comprare dai generi alimentari ai prodotti per la casa, da articoli tecnologici a capi di abbigliamento. Molti siti sono seri, garantiscono un servizio di controllo per il cliente, ma c’è il rischio anche di imbattersi in chi cerca di truffare gli altri.

La storia di una coppia francese

Un po’ come è accaduto a una coppia francese di La Havre che nel 2018 ha sborsato ben 6 mila euro per acquistare un esemplare di gatto Savannah, un pregiato felino. Come riportano i media francesi, i coniugi hanno risposto ad un annuncio pubblicato su internet, si sono accordati con il venditore per il prezzo del cucciolo di gatto e hanno pagato 6mila euro.

Forse un prezzo un po’ alto per un micio… ma lungi da noi voler fare i conti in tasca alla coppia francese. Una volta arrivato a casa il gatto, i due si sono accorti che qualcosa non andava. Infatti, invece di aver ricevuto un cucciolo di Savannah – un incrocio fra un gatto domestico e un serval, felino selvatico africano di medie dimensioni – si sono resi conto di tenere in salotto un cucciolo di tigre di Sumatra di tre mesi.

L’indagine

I due coniugi hanno allertato le autorità e dalla vicenda è nata un’indagine sul traffico illegale di animali selvatici, durata due anni, che ha portato all’arresto di nove persone. Nei guai è finita anche la coppia francese che al momento è stata accusata di traffica di specie protetta, come riporta il sito online skytg24.it.

La tigre, in buona salute, è stata affidata all’Ufficio francese per la biodiversità ed è per ora ricoverata in una struttura adeguata.

La tigre di Sumatra è una specie felina endemica dell’isola di Sumatra, Indonesia, elencata come in pericolo critico nella Lista Rossa IUCN. Si stima esistano tra i 400 e i 500 esemplari selvatici in natura.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.