MERCOLEDÌ 09 GENNAIO 2019, 00:04, IN TERRIS

Non ha i soldi per pagare l'insulina: muore giovane diabetico

La notizia fa riesplodere il caso del sistema sanitario degli Stati Uniti, che taglia fuori i poveri

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Madre del ragazzo morto di diabete
Madre del ragazzo morto di diabete
L

a tanto osannata "american way of life", cioè lo stile di vita americano, produce anche enormi ed inquietanti contraddizioni. Oltreoceano, nella più grande democrazia occidentale, si può morire perché le medicine costano troppo. Questo il destino di un cittadino statunitense di 26 anni, che ha perso la vita perché non poteva permettersi l'acquisto delle medicine essenziali per la sua sopravvivenza, ossia le fiale per curare il diabete di cui era malato: quello di tipo 1. Il sistema sanitario negli Stati Uniti ha dei costi che in molti non possono permettersi: il giovane aveva potuto contare su una polizza dei genitori che lo copriva fino al 26esimo anno d'età, poi avrebbe dovuto provvedere personalmente all'acquisto di medicinali o alla sottoscrizione di una nuova polizza. Il suo stato di indigenza, tuttavia, non glielo ha concesso.

Come riferisce Il Gazzettino, il costo delle confezioni di insulina per i diabetici negli Stati Uniti è aumentato in pochi anni, triplicando fra il 2002 e il 2013. E dal 2012 al 2016 il prezzo ha subito un rincaro che può varriare dal 99 al 120 per cento: oggi negli Stati Uniti un diabetico può arrivare a spendere fino a 1.300 dollari al mese solo per l'insulina. Cifre proibitive per il ragazzo deceduto, che così cominciato a razionare le sue scorte di insulina, per cercare di assumerne meno e far durare di più le confezioni. A raccontare la vicenda all'emittente americana Cbs è stata la madre: "Mio figlio è morto perché non riusciva a permettersi la sua insulina", afferma la donna, che poi ricorda che prima della morte, il ragazzo è caduto in coma diabetico. E purtroppo non si tratta di un caso isolato: negli Stati Uniti sono moltissimi i malati che sono costretti a rinunciare alle loro medicine a causa degli altissimi costi che alcuni di questi hanno raggiunto. Per questo alcuni americani, compreso lo Stato del Minnesota, hanno deciso di fare causa a tre delle più grandi aziende farmaceutiche produttrici di insulina. E il senatore Bernie Sanders del Vermont ha chiesto una indagine federale.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il Teatro Marcello
ROMA

Riapre il percorso pedonale del Teatro di Marcello

L'intervento di messa in sicurezza è stato promosso da Roma Capitale
PIEMONTE

Torino, sequestrati 2,6 milioni di giocattoli pericolosi

L'indagine ha evitato l'ingresso nel mercato dei beni dannosi per i bambini
Martello
COCCAGLIO | BRESCIA

Tenta di uccidere a martellate moglie e figlia

L'uomo, un 59enne, è stato bloccato e arrestato dai Carabinieri
Ponte Morandi a Genova
GENOVA

Ponte Morandi: "Problemi di sicurezza già da 10 anni"

Lo rivela il rapporto commissionato da Atlantia riportato dal "Financial Times"
Anziano in cerca di cibo tra i rifiuti
NUOVE POVERTÀ

Coldiretti: "Anche in Italia si soffre la fame"

"Quasi 3 milioni di persone costrette a chiedere aiuto per il cibo da mangiare"
Tempio indonesiano
INDONESIA

Terremoto a Bali: danni al tempio indù

Non è stato diramato alcun allarme tsunami
Truffa online
CREMONA

Migliaia di truffati online: 4 arresti

Le fiamme gialle hanno sequestrato beni per 1,5 milioni di euro
L'incontro di Salvini con le parti sociali

Interessante l’incontro con Salvini

L'incontro tra Salvini e le parti sociali si è fatto e, stando alle parole dei sindacalisti, è...