“Niente chiese vicino agli ex scali ferroviari”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

In Italia, come del resto altrove in Occidente, calano le vocazioni sacerdotali. Il rischio è che, contestualmente, possa calare anche il numero di chiese. A fronte della nascita di nuovi quartieri, potrebbe non esserci un numero di chiese sufficiente. Specie quando accadono episodi come quello riportato nei giorni scorsi da Il Giorno. Il Gruppo Ferrovie dello Stato avrebbe chiesto che nelle aree degli ex scali Farini e Romana, a Milano, non vengano edificate chiese.

A riferirlo Pierfrancesco Maran, assessore all'Urbanistica del Comune di Milano, nel corso di una commissione dedicata al “Piano per le attrezzature religiose”, durante la quale si stabilisce dove collocare i nuovi luoghi di culto. Sul tavolo, come riporta il quotidiano Il Giorno, erano giunte alcune richieste firmate dalla Chiesa Cattolica Ambrosiana. Gli ecclesiastici chiedevano la disponibilità di volumetrie sui terreni due scali ferroviari dismessi. Seguendo le norme della recente legge regionale in materia, il Comune di Milano si è rivolto ai proprietari delle aree per capire quale è l'orientamento. Eloquente la risposta di Fs: “Ci hanno segnalato una criticità – ha spiegato Maran -: su nostra richiesta hanno accettato di destinare a verde il 65% dell’area degli scali e per questo preferiscono non vincolare un’altra parte a servizi“, ovvero il restante 35%.

Critiche bipartisan nei confronti di Fs. “Non è accettabile che ci siano parti della città dove non è possibile aprire un luogo di culto”, dice Pietro Tatarella di Fi. E ancora, aggiunge l'azzurro: “Non è possibile che dopo l’accento posto dalla maggioranza sulla progettazione partecipata degli scali ferroviari dismessi nonché del Piano di governo del territorio, le Fs non tengano in conto i bisogni della città“. Gli fa eco il dem Rosario Pantaleo: “La posizione delle Ferrovie è inaccettabile”. Maran promette che il Comune non resterà inerte: “In Consiglio, così come nella fase delle osservazioni, si può intervenire per rivedere l’indicazione arrivata dalle Fs”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.