MUSICA TROPPO ALTA, DISABILE CACCIATO DAL BUS

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Un caso che trasuda discriminazione e intolleranza ha come sfondo la città di Roma e come protagonisti un ragazzo disabile e un autista, dipendente dell’Atac. Violando ogni norma di sicurezza e di buon senso, il dipendente della società che si occupa dei trasporti nella Capitale, ha fermato il mezzo che stava guidando e ha fatto scendere un ragazzo. Il giovane, a detta dei testimoni, affetto da un evidente disturbo psichico, non è stato lasciato alla fermata, ma su un marciapiede di una strada altamente trafficata. Il ragazzo sarebbe reo di aver ascoltato musica ad un volume troppo alto e ciò avrebbe fatto infuriare il conducente dell’autobus.

A segnalare l’episodio ai media è stata una psicologa che si trovava sul mezzo che viaggiava sulla linea 128, direzione Crocco. La donna ha spiegato che l’autista ha improvvisamente fermato il mezzo, tra una fermata e l’altra, ha urlato contro il giovane e lo ha fatto scendere. Così velocemente come si era fermato, è ripartito senza preoccuparsi di cosa avrebbe fatto il ragazzo, se sarebbe riuscito ad orientarsi e quindi a tornare a casa.

La segnalazione dello sconveniente e assurdo comportamento dell’autista è stata segnalata all’Atac che ha provveduto a rintracciare l’uomo e ha comunicato che provvederanno a verificare la situazione e, eventualmente avviare le procedure per le sanzioni e provvedimenti del caso.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.