Miss Italia, gli haters contro una delle finaliste: “Sei scura”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Ogni edizione di Miss Italia ha sempre avuto le sue polemiche prima, durante e dopo la premiazione della reginetta di bellezza. In questa edizione, bersaglio delle critiche è una concorrente di vent'anni, nata e residente in Veneto, che secondo alcuni leoni da tastiera non rispetterebbe i canoni della bellezza italiana tradizionale. Perché Sevmi Tharuka Fernando ha la pelle scura. La ragazza è di nazionalità italiana ma i suoi genitori sono cingalesi, arrivati trent'anni fa dallo Sri Lanka, e questo ha scatenato i difensori dell'italianità. La ventenne di Camposampiero, in provincia di Padova, ha ricevuto il supporto della prima Miss Italia di colore, la dominicana Denny Mendez che nel 1996 divise il Paese in due con la sua vittoria.

La sfida ai pregiudizi

Sevmi, con un diploma da estetista, qualche esperienza in passerella e il titolo “Miss Rocchetta Bellezza Veneto”, risponde agli attacchi su Facebook, molti dei quali le arrivano in forma privata. Lo riporta il Corriere della Sera. “Purtroppo non ci sono ancora tanti pregiudizi, non si accetta che io sia italiana solo perché ho la pelle scura. Partecipo a questo concorso anche per abbattere questi discriminazioni. Ignoro questi attacchi e vado avanti”. La giovane candidata ha ricevuto la solidarietà e l'incoraggiamento della vincitrice dell'edizione 1996.

La prima regina nera

Ventitre anni fa, alla vittoria della concorrente della concorrente di Santo Domingo Denny Mendez, l'Italia si spaccò in due. C'era chi non riteneva regolare la partecipazione di una concorrente di origine non italiana e chi invece apprezzava l'incontro dei popoli. In quattro lustri e poco più purtroppo il razzismo e la discriminazione non sono ancora stati debellati, anzi con il senso d'impunità che sentono molti utenti dei social network, stanno riesplodendo con forza in ogni aspetto della società italiana.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.