“Mi hai rotto l'orologio”: così estorcevano denaro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Si spacciavano per appartenenti ad una nota famiglia criminale di Roma, così truffavano un malcapitato nelle strade della Capitale. Tre persone, due uomini di 34 e 35 anni e una donna di 35, tutti italiani e già noti alle forze dell’ordine anche per reati specifici, sono stati arrestati dai Carabinieri della Stazione Roma San Pietro.

Come recita una nota del Comando Provinciale di Roma dei Carabinieri, lo scorso 17 maggio, in zona San Cesareo, la vittima prescelta, un 63enne italiano, era stata fatta bersaglio della classica truffa dello specchietto, facendogli credere di aver danneggiato un prezioso orologio, da loro indossato, con lo specchietto retrovisore dell’auto e facendosi consegnare, in più tranche, 3mila euro per il danno subito. Nella medesima giornata lo stesso era rimasto vittima di un’altra truffa, quando, a bordo della propria autovettura, gli avevano fatto credere di aver danneggiato lo specchietto di un’autovettura mentre viaggiava sulla Via Casilina. Qualche giorno dopo, spacciandosi come appartenenti ad una nota famiglia criminale della Capitale, i truffatori lo hanno ricontattato chiedendo, sotto minaccia di ritorsioni, ulteriori 1.500 euro.

L’uomo a questo punto ha deciso di denunciare tutto ai Carabinieri ai quali ha raccontato la vicenda, a seguito della quale i militari hanno disposto un mirato servizio, presentandosi all’appuntamento prefissato dall’uomo con gli aguzzini, in zona Giardinetti, per la consegna del restante denaro. La scorsa sera, dopo lo scambio, i Carabinieri sono intervenuti ed hanno arrestati i 3 malviventi. I due uomini dopo l’arresto sono stati trasferiti presso il  carcere di Regina Coeli, mentre la donna è stata sottoposta agli arresti domiciliari presso la sua abitazione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.