MARTEDÌ 11 LUGLIO 2017, 000:04, IN TERRIS

"Mi chiamavano 'serva' e 'Nutella'": video-denuncia di una bimba vittima di bullismo

La piccola si era trasferita con la famiglia a Washington. Arrivata in una nuova scuola, è stata tormentata dai compagni di classe

EDITH DRISCOLL
"Mi chiamavano 'serva' e 'Nutella'": video-denuncia di una bimba vittima di bullismo
"Nutella e serva". Questi gli appellativi con cui veniva chiamata dai suoi coetanei Nasir, una bambina statunitense dalla pelle scusa. La piccola con la famiglia si era trasferita dalla Georgia a Bellevue, Washington, lo scorso agosto. Qui aveva iniziato a frequentare una nuova scuola, dove è stata accolta in modo tutt'altro che favorevole.

Il video-denuncia


La piccola ha allora deciso di pubblicare un video, diventato virale, in cui racconta la sua storia, scritta su due fogli.

La madre che ha postato il video sul suo profilo Facebook, l’ha così introdotto: “Non avrei mai immaginato di essere dall’altra parte della camera per questo. Come genitore, mi fa male sapere che la mia bambina è stata bullizzata e a scuola. Per favore guardate, condividete e cambiate!".

Su un foglio retto dalla bambina durante il video, c'è scritto "Il bullismo è reale". Su un altro "Condividi la mia storia, aiuta a cambiare la fine". La decisione di lanciare la denuncia su internet, è stata presa dalla bambina dopo un anno di insulti subiti.

Chieste informazioni sulla situazione della figlia, i genitori si sono sentiti rispondere dalla preside della scuola che era normale avere difficoltà ad intrattenere relazioni per via del fatto che il 7% della popolazione scolastica è nera, il 36% asiatico, il 24% ispanico e il 26% bianco.

“Era una nuova studentessa alla scuola e gli altri studenti avevano già formato rapporti negli anni precedenti. Era una persona completamente nuova che entrava nell’ambiente", ha detto la mamma riportando le parole della preside.

"Nutella" e "serva"


Tuttavia, la situazione con il tempo non è migliorata. La piccola veniva chiamata "Nutella" e "serva" e un compagno ha disegnato una pistola con scritto con “muori muori muori” e l’ha lasciata nel suo armadietto. “Non avrebbe pianto a scuola ed è tornata spesso a casa a piangere", racconta la mamma. “Quello che mi fa di più è stato quando mi hanno chiamato Nutella e quel disegno“, ha detto Nasir.

Per incoraggiare la piccola a fare amicizia, i genitori la hanno fatta entrare in un gruppo di girl scout. In questo contesto, Nasir è riuscita a stringere relazioni amichevoli con altri coetanei. Ma lei non si rassegna a denunciare il fenomeno del bullismo. “Se non lo parlerete, peggiorerà“, ha detto Nasir. “Sarà una situazione più grande da risolvere”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Le urne del sorteggio di Champions League
CHAMPIONS LEAGUE

Agli ottavi sarà Juve-Tottenham e Shakhtar-Roma

Real Madrid vs Paris Saint Germain e Chelsea vs Barcellona i big match
Incidente stradale a Lecce
OMICIDIO STRADALE

Ubriaco al volante travolge uno scooter: un morto

Il conducente della Bmw 320 è un 35enne di nazionalità bulgara
Auto travolge passanti ai Mercatini di Natale di Sondrio
AUTO CONTRO MERCATINO DI NATALE

Sondrio, il conducente è accusato di strage

Il 27enne ha agito sotto l'effetto di alcol e cannabinoidi
La Cattedrale di Londra imbiancata dalla neve
MALTEMPO

Freddo e neve gelano il Nord Europa

Fiocca anche a Milano e Torino. Disagi su tutto l'arco alpino
Matteo Renzi
VERSO IL VOTO

Renzi: "Berlusconi? Niente intese con mr Spread"

L'ex premier: "Silvio fa le stesse promesse del 1994 che non ha mai mantenuto"
DIRITTO DI REPLICA

Annullato l'arresto per il sindaco Caliandro

Il primo cittadino di Villa Castelli era stato coivolto in un'inchiesta su presunte tangenti