MERCOLEDÌ 10 MAGGIO 2017, 000:04, IN TERRIS

Messi in strada e il traffico va in tilt per un selfie, ma è un sosia

ANTONIO DI MOLA
Messi in strada e il traffico va in tilt per un selfie, ma è un sosia
Messi in strada e il traffico va in tilt per un selfie, ma è un sosia
Se state passeggiando per strada e davanti vi passa Leo Messi, uno dei più grandi calciatori degli ultimi anni, non lo fermereste per chiedergli una foto ricordo, o un selfie? Più o meno è quello che è accaduto a Reza Parastesh, che mostra un incredibile somiglianza con il bomber del Barcellona, mentre era al volante della propria auto, credendo che almeno in macchina potesse passare inosservato. Ma non è andato così. In molti lo hanno riconosciuto e il traffico ad Hamadan, città dell'Iran, è andato in tilt. Il giovane, 25 anni, in effetti, è identico alla "Pulce". E lo dicono, con orgoglio, anche gli amici che mostrano le foto ravvicinate del campione argentino e del ragazzo che fisicamente è "uguale" (quasi in tutto) al campione blaugrana.

In tilt per il falso Messi


E anche se l'attaccante del Barça è a migliaia di chilometri di distanza, nessuno dei cittadini di Hamadan vuole rinunciare a scattare un selfie con il falso Messi che nelle ultime settimane è molto conteso dai mass media per delle interviste. Non mancano poi le richieste da parte delle agenzie pubblicitarie. Ma è soprattutto la gente comune e i curiosi che si avvicina a lui. E così nei giorni scorsi è stato circondato da una folla immensa che lo ha impossibilitato a proseguire oltre con la propria auto, finendo per congestionare il traffico e mandare in tilt l'intero quartiere.

L'intervento della Polizia


Per riportare la tranquillità è stato necessario l'intervento della Polizia. Gli agenti hanno fermato Reza Parastesh, poi gli hanno sequestrato l'auto e condotto in caserma per accertamenti con la "colpa" di aver intralciato l'"ordine pubblico". Dopo le opportune verifiche, durante qualche ora, il giovane è stato rilasciato. In una recente intervista, il sosia della Pulce ha dichiarato: "Essere il più grande giocatore della storia è un lavoro duro, mi offro di rappresentarlo quando è troppo impegnato". Il suo sogno è quello di poter incontrare, un giorno, il vero Leo Messi al Camp Nou di Barcellona.




Loving messi barca بدون ادیت بدون میکاپ Photo :@amirrezayousefii


Un post condiviso da riza parastish ( Messi Irani ) (@rezaparastesh_) in data: 6 Lug 2016 alle ore 11:21 PDT





Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano