“Medico cura te stesso”, dice il Vangelo. A Roma il contagio dell’imprudenza

Un brindisi in ospedale per la festa di fine studi di una specializzanda. Nove medici contagiati dal coronavirus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:56

Si sa che il miglior insegnamento è sempre la testimonianza. San Francesco raccomandava ai suoi frati di predicare il Vangelo “se serve anche con la parola“. Insomma, in ogni contesto e in qualunque circostanza (tanto più in una situazione di emergenza come quella che l’Italia sta vivendo), a contare è l’esempio. Ciò che si fa nel concreto, come ci si comporta, insomma, avvalora o sconfessa ciò che si dice. Interris.it racconta e documenta senza sosta lo sforzo immane che il sistema Paese sta compiendo in queste tragiche settimane per arginare l’espansione del coronavirus al centro-sud, dove, come spiega in un’intervista esclusiva al nostro quotidiano digitale l’ex presidente dell’Europarlamento e attuale vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani, le strutture sanitarie non sarebbero in grado di reggere la forza d’urto del Covid-19 come sta accadendo pur tra mille difficoltà al Nord.

Medico, cura te stesso è la traduzione del motto latino Medice, cura te ipsum, che deriva a sua volta da un antichissimo midrash ebraico. Il Vangelo di Luca la mette in bocca a Gesù in sinagoga. Senza commenti riportiamo la notizia. Ogni considerazione la lasciamo ai lettori. Un brindisi per la festa di fine studi di una specializzanda, organizzato il 3 marzo in una stanza di un reparto dell’Umberto I, ha avuto come estrema conseguenza nove infettati tra medici, volontari e specializzandi. Il fatto, rifersce il Messaggero, è emerso dall’indagine epidemiologica svolta internamente e i cui esiti sono ora al vaglio della Regione. “Ci siamo trovati di fronte a un comportamento gravissimo, totalmente privo di prudenza che va stigmatizzato- afferma il direttore generale dell’Umberto I, Vincenzo Panella- messo in atto da coloro che per primi dovrebbero essere consapevoli dei pericoli”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.