Maxi truffa da 15 milioni di euro, a muovere i fili alcuni commercialisti

Cinque arresti nel Savonese, sequestrati beni per oltre 3,2 milioni. Usavano come prestanome persone con fragilità psichiche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:16
commercialista

Quindici milioni di fatture per operazioni inesistenti, un danno erariale di 3,2 milioni, aziende fittizie intestate a prestanome che avevano problemi di droga, gioco d’azzardo, fragilità psichiche. In questo quadro la Guardia di finanza di Savona ha eseguito cinque ordinanze di custodia, 4 in carcere e una ai domiciliari: tra loro ci sono alcuni commercialisti del ponente Savonese. I cinque, tutti italiani (tre uomini e due donne), tra i 47 e i 72 anni, avevano creato una rete, con base nella provincia di Savona, che operava in Liguria, Piemonte, Calabria e Veneto, ma anche all’estero.

Sono 17 le persone complessivamente indagate, 16 le aziende coinvolte in Italia per reati tributari, cinque quelle all’estero, in Bulgaria e Gran Bretagna. E’ stata disposto il sequestro di beni per 3,2 milioni.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.