LUNEDÌ 15 APRILE 2019, 00:04, IN TERRIS


ABRUZZO

Matrimonio choc: sposo sorpreso a far sesso con un amico

Una vicenda incredibile che ferisce il valore del sacramento, raccontata dal deejay presente alla festa a Rai Radio2

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Bouquet
Bouquet
U

n episodio sconvolgente che, in pochi attimi, ha avuto la forza di ribaltare e mettere in un angolo la sacralità di uno dei momenti più importanti nella vita di una persona: il proprio matrimonio. La vicenda raccontata alla trasmissione i Lunatici di Rai Radio2 da Willy, un deejay per cerimonie, ha davvero dell'incredibile: come spiegato dal musicista, tutto è accaduto proprio durante i festeggiamenti per le nozze di una coppia abruzzese, per i quali era stato chiamato allo scopo di animare la serata. Una festa finita male visto che, al momento del taglio della torta, dello sposo non c'era più traccia: non una fuga o una semplice distrazione per essersi fermato a fumare ma un'assenza dovuta ad altri motivi che, probabilmente, nessuno avrebbe mai potuto immaginare. Il neo-marito, infatti, è stato trovato in un bagno del ristorante nell'atto di fare sesso con uno dei suoi amici.

Lo stesso Willy, le cui parole a Rai Radio2 sono state riportate dal Messaggero, ha raccontato lo sgomento e l'incredulità dell'accaduto: "Hanno beccato lo sposo a festeggiare in modo un po' strano. Non si trovava più, dovevano far uscire la torta, ma lui era sparito. Pensavano si fosse sentito poco bene, oppure che fosse andato a fumare. E invece un parente della sposa lo ha trovato in bagno che stava festeggiando... Facendo l'amore con un suo amico". Un episodio che, certamente, va a svilire quelli che sono i sentimenti e i valori alla base dell'unione matrimoniale, traditi fin dalle ore immediatamente successive al fatidico "sì".

"La festa - ha concluso il deejay - non è finita a mazzate, nessuno si è picchiato, ma la sposa si è messa a piangere e anche lui non stava messo tanto bene. I parenti di lui sono venuti da me a dirmi che avrei anche potuto smettere di suonare perché non c'era più niente da festeggiare. In 29 anni che faccio questo mestiere non mi era mai capitata una cosa del genere".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Armando Siri
IL CASO

Siri, Salvini: "Giudici facciano in fretta"

Il vicepremier: "Si è colpevoli solo con condanna". Morra: "Intollerabile presenza nel governo"
Coltello
ROMA

Gli vede il crocifisso al collo, tenta di sgozzarlo

Il fatto alla vigilia di Pasqua vicino la stazione Termini. Marocchino l'aggressore