Maschio o femmina? L'enigma delle emoji

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Maschio o femmina? Contadino o contadina? Non è importante il sesso per Unicode, la società che aggiorna la lista delle emoji utilizzate sui più importanti social e app come Facebook e Whatsapp. L'azienda, infatti, varerà presto 138 emoji “gender neutral”: a breve, nei mestieri non troveremo uomo o donna, ma solo un volto sorridente interpretabile a seconda del proprio punto di vista. Prepariamoci, quindi, ad avere nei nostri messaggi il genere neutro, che finora era prerogativa del mondo latino. Ma come sanno bene gli studenti liceali, per i Romani il genere neutro era, nella maggior parte dei casi, assegnato a cose inanimate.

#show_tweet#

#show_tweet2#

Il precedente

Un caso che ha fatto recentemente discutere è la linea di bambole “neutre” introdotta dalla Mattel, che consentirebbe ai bambini di scegliere di personalizzare le bambole con capelli e accessori a seconda della loro inclinazione: “Sono stati progettati specificamente per avere un aspetto giovane e neutrale rispetto al genere”, ha detto Kim Culmone, Vicepresidente Mattel. A tal proposito, don Aldo Buonaiuto, prete di frontiere dall'Associazione Papa Giovanni XXIII, scrisse: “Natura e antropologia non contano più. Basta corrispondere alle mode culturali del momento. Il mercato non sente ragioni. Malgrado il Vangelo metta in guardia da chi confonde i piccoli, oggi è tutto un affannarsi a compiacere le ideologie 'flu' che vorrebbero formare fin dalla culla consumatori anestetizzati, confusi e obbedienti. Meglio per i loro interessi economici e di potere favorire e incentivare in questa direzione sessualmente indefinita, giocattoli e condotte unisex, sicuramente più funzionali al business globalizzato del terzo millennio rispetto ai valori della vita e della famiglia”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.