Aggredisce e maltratta madre e sorella invalide per anni, il bieco motivo

Brutta storia di violenze e vessazioni domestiche a Seregno (comune in provincia di Monza). Arrestato un 38enne

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:49

Brutta storia di violenze e vessazioni domestiche in un paese lombardo. I carabinieri a Seregno (comune in provincia di Monza) hanno arrestato un uomo di 38 anni con l’accusa di aver violentemente aggredito l’anziana madre, invalida e costretta a respirare con l’ossigeno, per l’ennesima volta.

La richiesta d’aiuto

La richiesta di intervento è partita intorno alle 21 di lunedì – spiega Monza Today – dopo che nell’abitazione la situazione era degenerata con un’esplosione di rabbia e violenza che aveva portato il 38enne – con precedenti per vari reati contro il patrimonio e contro la persona, violenza, resistenza minaccia e oltraggio a pubblico ufficiale – a minacciare e aggredire la madre. “Questa notte ti faccio fuori!” avrebbe gridato contro la donna 72enne.

A chiedere aiuto al 112, la sera del 4 ottobre, è stata la figlia 49enne della donna, anche questa invalida, aggredita a schiaffi dal fratello mentre cercava di difendere la madre.

Appartamento devastato

Quando i carabinieri sono arrivati sul posto hanno trovato il 38enne intento a inveire e minacciare di morte madre e sorella, all’interno di un appartamento devastato, con resti di quadri e suppellettili in frantumi sul pavimento. Ricostruita la vicenda, con il consenso della Procura di Monza, l’uomo è stato portato in carcere.

Nel 2014 l’uomo era già stato denunciato per aver selvaggiamente picchiato la mamma diverse volte, arrivando persino a lesionarle la milza e costringendola al ricovero in ospedale.

Solo qualche mese fa, a gennaio, l’aveva minacciata di morte con insulti, sputi e lanciandole contro diversi oggetti. Anche in quella occasione, come in quest’ultima, il motivo di tanta violenza è sempre stato lo stesso: la richiesta di denaro.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.