GIOVEDÌ 14 FEBBRAIO 2019, 01:11, IN TERRIS


SANREMO CHOC

Lo sketch di Virginia Raffaele diventa un'invocazione a satana

L’esorcista: “Rispettare chi soffre a causa del maligno”

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Virginia Raffaele durante lo sketch
Virginia Raffaele durante lo sketch
E'

possibile rovinare una performance quasi del tutto impeccabile in pochissimi secondi? Sì, magari con una frase fuori luogo o con un'espressione non proprio gradevole. Ancor di più se, nell'ambito di un pezzo teatrale, si sceglie di combinare la comicità (fin lì da applausi) con un'invocazione che lascia allibiti, per ciò che rappresenta. Lo scenario è il Festival di Sanremo appena concluso e la protagonista è la comica e l'imitatrice Virginia Raffaele, co-conduttrice e, in quel momento, mattatrice della serata con uno sketch a ritmo di musica, intonando la canzone Mamma di Beniamino Gigli, pietra miliare della musica italiana, come fosse un grammofono rotto. Performance riuscitissima se non che, in un frangente, l'interruzione vocale dovuta al vecchio strumento non più in grado di funzionare correttamente, si traducesse nitidamente nella parola "satana", pronunciata peraltro più volte e precisamente per ben 5 volte.

 

APRI VIDEO: Virginia Raffaele ripete cinque volte di seguito il nome di “satana”

 

Un dettaglio, questo, lì per lì sfuggito al grande pubblico, talmente impressionato dalla versatilità dell'artista da non aver fatto minimamente caso a tale sconvolgente esternazione, tanto incredibile quanto inspiegabile in una gag come quella. Al riascolto, però, l'assurda uscita è venuta fuori, diventando in breve tempo fonte di dibattito sul web, pur senza coinvolgere grandi testate o senza guadagnarsi chissà quale risonanza. Resta il fatto che, guardando (e soprattutto ascoltando) il video, la parola si senta in modo distinto, pronunciata tra l'altro durante una canzone che è un inno all'amore materno e che assolutamente nulla ha a che vedere con la parola in questione. Un gesto irrispettoso, fuori luogo e sul quale sarebbe interessante avere qualche delucidazione, magari anche dall'interessata visto che, per forza di cose, lo scivolone ha finito per rovinare irrimediabilmente e trasformare in un deplorevole accostamento al male una performance che sarebbe potuta essere fra le migliori del Festival.

A tal proposito è proprio don Aldo Buonaiuto sacerdote della Comunità Giovanni XXIII fondata da don Oreste Benzi, il quale coordina il servizio nazionale Antisette con un numero verde nazionale in ascolto delle vittime,  e nella veste di esorcista che fa appello all’attrice Raffaele "perché chiarisca quella che apparirebbe una gag spiritosa ma poi stonata perché sembra non tenere conto della sensibilità di tante persone che soffrono a causa della presenza del maligno. Pur non comprendendo quale fosse l’intento, il ridicolizzare o, ancor più grave, inneggiare il nome di satana in prima serata su Rai Uno, penso sia stato uno scivolone sconcertante. Non si è tenuto conto della fede dei tanti cristiani che seguivano uno dei programmi più amati dagli italiani mancando così di rispetto specialmente alle tante persone che sono realmente oppresse dalle forze del male. Penso sia opportuno che la brava comica Virginia Raffaele spieghi il senso di questa sua esibizione e che si ritorni a riflettere sulle ripercussioni di certe scelte che non possono ritenersi apparentemente banali".

Va da sé che una tale parola non possa trovare in alcun modo posto in una gag comica, né essere spunto per un'ironia da trasmettere in prima serata o, tantomeno, essere coinvolta nella quotidianità delle famiglie, specie in un programma come il Festival di Sanremo. Il rischio, in questo caso fin troppo concreto, è di far passare l'ennesimo messaggio connesso al male in una società che, mai come oggi, avrebbe bisogno di riscoprire le radici sane di un Paese che, invece, sembra aver smarrito anche i più basilari fondamenti della nostra cultura e fede.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Tor Bella Monaca (Foto-Cgil Roma Rieti)
PERIFERIE

Tor Bella Monaca: famiglia di rom mandata via da una protesta

Il nucleo di quattro persone era legittimo assegnatario di un alloggio popolare, ora potrebbe rinunciare
L'ente pubblico che riscuote i tributi
ECONOMIA

Partito l'evasometro: monitora i conti correnti degli italiani

Vaglierà i movimenti e li metterà a confronto con la dichiarazione dei redditi. Strumento retroattivo fino a 5...
Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa
AMBIENTE

Primo stop del Conte II: forse slitta il decreto clima

Inizia il braccio di ferro con i renziani
Dispersione scolastica
RAPPORTO OXFAM

Cresce la dispersione scolastica

L'appello: "Il nuovo Governo investa nell’istruzione pubblica"
Italiani di seconda generazione
MIGRANTI

Istat: “I nuovi italiani sono oltre 1,3 milioni"

I bambini di seconda generazione costituiscono il 13% della popolazione minorenne
Il giornalista Angelo Paoluzi

È scomparso Angelo Paoluzi, firma del giornalismo italiano

Direttore di Avvenire, è noto il suo impegno per un'informazione cattolica
Migranti
MIGRANTI

Nuovi sbarchi a Lampedusa, hotspot in emergenza

Un centinaio di persone arriva direttamente in porto, il centro è sovraffollato. Altre 109 a bordo di Ocean Viking
Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa
GOVERNO CONTE BIS

Decreto legge ambiente: sconti per chi rottama auto fino Euro4

Misure contro il consumo di plastica e per una mobilità sostenibile. Dal 2020 taglio 10% dei sussidi dannosi
Scozzesi in abiti tradizionali sventolano la St. Andrew's Cross
L'ANNIVERSARIO

IndyRef, la Scozia a cinque anni dalla scelta pro-Uk

Dall'exploit post-voto dell'Snp allo scetticismo per il Ref2. Ma la Brexit è un'incognita che continua a...
OCSE

Crollano le richieste d'asilo in Italia: -58% nel 2018

Il dato nel rapporto annuale dell'Ocse "Migration Outlook". Lo scorso anno accolte oltre il 30% delle domande
Papa Francesco - Foto © Vatican Media
UDIENZA GENERALE

Papa Francesco: "Senza Dio, i governi cadono"

La catechesi del Pontefice sul discernimento e l'opposizione del potere
La stazione Centrale di Milano
MILANO

Aggredisce militare e grida "Allah Akbar": "Volevo essere ucciso"

Espulso dalla Germania, non risulterebbero legami con il terrorismo. L'uomo, irregolare in Italia, è yemenita