LUNEDÌ 08 GIUGNO 2015, 000:20, IN TERRIS

LICENZIATI DALLA DISNEY E COSTRETTI A FORMARE I LORO SOSTITUTI

MILENA CASTIGLI
LICENZIATI DALLA DISNEY E COSTRETTI A FORMARE I LORO SOSTITUTI
LICENZIATI DALLA DISNEY E COSTRETTI A FORMARE I LORO SOSTITUTI
Sono 250 i dipendenti americani della Disney licenziati dall’azienda che però ha avuto la sfacciataggine di chiedere, prima che se ne andassero, di “formare” i sostituti alle mansioni da loro svolte fino al giorno prima. È quanto denunciano i diretti interessati che, dopo anni di lavoro nel colosso statunitense dell’intrattenimento da 47 miliardi di dollari di fatturato annuo, hanno ricevuto il “pink slips” – o “benservito” – e sono stati sostituti da lavoratori stranieri con visto H-1B. La motivazione? Tagli alle spese.

Il visto H1-B è uno degli argomenti più dibattuti in tema di immigrazione degli ultimi anni. Il principio per cui viene concesso un visto di tale categoria è che il cittadino straniero debba avere delle professionalità specifiche e insostituibili. Secondo alcune organizzazioni del lavoro americane, però, è solo un modo sfruttato dalle aziende per sostituire figure professionali americane con lavoratori stranieri meno onerosi in termini di retribuzione e contributi.

La Walt Disney Company, da parte sua, si difende spiegando di aver offerto uno “stay bonus” pari al 10% di tutti i contributi maturati nel corso della carriera per insegnare ai sostituti come lavorare. Praticamente, pochi spicci rispetto alla mortificazione che gli ex lavoratori dovranno subire nei prossimi mesi. Un’umiliazione che non tutti però hanno accettato di buon grado, visto che un certo numero di ostracizzati ha preferito rinunciare a incentivi e scivoli rifiutandosi di formare i sostituti. Almeno loro, difronte a questa palese ingiustizia, hanno scelto di non stare “bonus”!
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
La chiesa di San Giorgio restaurata
PIANA DI NINIVE

Riconsacrata la chiesa di Tellskuf

Profanata e semidistrutta dall'Isis, è stata restaurata con i soldi raccolti da Acs
New York, il capolinea attaccato
ATTACCO A NEW YORK

Arriva la condanna del Bangladesh

Dacca: "Tolleranza zero con i terroristi". Ullah era giunto negli Usa nel 2011
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android
Piazza Fontana
STRAGE DI PIAZZA FONTANA| ANNIVERSARIO

Mattarella:
"Cercare la verità"

Il capo dello Stato ricorda le vittime dell'attentato che aprì la stagione degli "anni di Piombo"
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani