GIOVEDÌ 25 AGOSTO 2016, 000:04, IN TERRIS

LADRI SI COPRONO IL VISO CON UN PENNARELLO INDELEBILE: ARRESTATI IN 5 MINUTI

AUTORE OSPITE
LADRI SI COPRONO IL VISO CON UN PENNARELLO INDELEBILE: ARRESTATI IN 5 MINUTI
LADRI SI COPRONO IL VISO CON UN PENNARELLO INDELEBILE: ARRESTATI IN 5 MINUTI
Dall'America ecco il titolo di "Ladri più stupidi del mondo". E' l'insegna che ha regalato la stampa statunitense a Matthew McNelly e Joey Miller. I due hanno tentato di introdursi in un appartamento di Carroll (Iowa), mascherati in un modo a dir poco goffo: si sono dipinti la faccia con un pennarello indelebile. Un travestimento che, anche ammettendo li rendesse poco riconoscibili, aveva comunque un difetto enorme: non è veloce da togliere.
E così, quando hanno tentato la fuga, dopo che un vicino della casa che hanno tentato di svaligiare ha chiamato la polizia, gli agenti non hanno avuto nessuna difficoltà ad individuarli e ad arrestarli. Nel giro di 5 minuti erano già sulla volante diretti alla centrale.

Già nel 2014 i media di oltre oceano aveva regalato questo tiolo ad Anthony Prince e Luke Carroll. La stampa americana li ha soprannominati “Dumb and Dumber” (Stupido e più Stupido). Per meritare questo soprannome, i due hanno rapinato 170.000 dollari da una banca di Vail, in Colorado, utilizzando una pistola giocattolo, riuscendo a mettere in fila una serie di ingenuità: hanno infatti rapinato una banca di cui erano regolari clienti, cosa che già di per sé avrebbe potuto far sì che qualcuno li riconoscesse nonostante portassero una maschera. Ma a questo si aggiunge il fatto che non hanno fatto nulla per nascondere il loro forte accento australiano. Come se questo non bastasse, i due indossavano le magliette del negozio di articoli sportivi dove lavoravano poco distante. E su queste le targhette con il loro nome.

In un batter d'occhio la polizia ha emesso un identikit dei due, cosa particolarmente veloce perché avevano precedenti per atti vandalici, e il giorno dopo sono stati fermati all’aeroporto dove, con alcune banconote provenienti dalla refurtiva (e di cui sembra fosse stato segnalato il numero di serie) hanno tentato di acquistare dei biglietti per il Messico. Gli agenti hanno trovato loro addosso diverse migliaia di dollari, provenienti dal bottino. Ma non solo: infatti nella macchina fotografica di uno dei due hanno trovato alcune foto che i due, poco dopo il furto, si erano scattati a vicenda in un bagno di un McDonald, nelle quali mostravano la refurtiva come trofeo e facevano gesti di vittoria. Giusto per togliere anche gli ultimi dubbi. Inevitabilmente, le condanne: Carrol a cinque anni di prigione, mentre Prince a 4 anni e mezzo.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Papa Francesco saluta i fedeli in Cile
PAPA IN CILE

"Siete privi di libertà non della dignità"

Testo integrale del saluto del Pontefice alle detenute del Carcere Femminile di Santiago del Cile
Milano, i Vigili del fuoco sul luogo della tragedia
TRAGEDIA SUL LAVORO

Milano, tre operai morti intossicati in fabbrica

Si aggrava il bilancio dell'intossicazione nello stabilimento metalmeccanico: gravissimo il quarto lavoratore
Una delle chiese assaltate in Cile
CILE

Scontri e chiese assaltate: proteste per la visita del Papa

Carabinieri aprono gli idranti contro la "Marcia dei poveri", date alle fiamme altre tre parrocchie
Murdoch con l'ex moglie
USA

Il Wsj: l'ex lady Murdoch era una spia cinese

Gli 007 americani avrebbero messo in guardia Jared Kushner su Wendi Deng
SANITÀ

Allarme vaccini: i centri sono in tilt

Crisi dovuta alla legge sull'obbligo e all'assenza di personale. E prosegue la polemica politica
Il presidente Erdogan
VATICANO

Erdogan in udienza dal Papa

Confermata la visita del presidente turco il 5 febbraio
Papa Francesco celebra la Santa Messa al Parco O'Higgins di Santiago del Cile Photo © Vatican Media
PAPA IN CILE

"Lavorare per la pace e la riconciliazione"

Il Pontefice al Parco O'Higgins di Santiago cita Neruda: "La speranza è sradicamento...
Papa Francesco celebra la Santa Messa al Parco O'Higgins di Santiago del Cile Photo © Vatican Media
PAPA IN CILE

"No al consumismo tranquillizzante"

Il testo integrale dell'omelia del Pontefice durante la Messa al Parque O'Higgins