La nuova “trovata” per spillare soldi agli anziani

L'allarme lanciato dai carabinieri di Vittorio Veneto che hanno registrato due casi in una settimana

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:18
anziani

“Sua figlia ha causato un incidente”. Sarebbe questa la frase con cui dei truffatori iniziano la conversazione con le vittime prescelte, nella maggior parte degli anziani, alle quali cercano di spillare soldi, a volte anche ingenti somme. L’allerta è stata lanciata dal Comandante della Compagnia dei carabinieri di Vittorio Veneto, Giuseppe Agresti. La notizia è stata riportata dal quotidiano trevisotoday.

La truffa

Come riporta il sito online, nel corso di questa settimana sono stati registrati due episodi di truffe a danno di persone anziane, entrambe residenti a Vittorio Veneto. Nel primo caso a finire nel mirino dei truffatori una 77enne che ha ricevuto una telefonata da un uomo che si è identificato come un membro delle forze dell’ordine. Dopo aver spiegato alla signora che la figlia aveva causato un incidente stradale le ha chiesto 8mila euro per evitare conseguenze penali. La donna ha consegnato i soldi a un soggetto che si è presentato alla sua porta di casa presentandosi come avvocato della vittima. Il secondo caso ha visto coinvolto un uomo di 94 anni, chiamato da un finto avvocato che comunicava un incidente causato dalla nipote e chiedendo 500 euro per evitare conseguenze penali.

La denuncia

Probabilmente insospettiti dalla stranezza della situazione, le due vittime hanno denunciato l’accaduto. I carabinieri della stazione di Vittorio Veneto hanno immediatamente avviato delle indagini per risalire alle identità dei truffatori. “Si sensibilizza la cittadinanza a prestare massima attenzione a questo tipo di telefonate – ha sottolineato il comandante della Compagnia di Vittorio Veneto, Giuseppe Agresti, come riportato da trevisooday.it – ed a non cedere alle richieste di denaro, ma di chiamare prontamente il 112 al fine di poter prevenire ed evitare la commissione della truffa ed individuare gli autori”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.