La candidata per Miss Universo è una trans

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Bionda, mora, magra, in carne, occhi azzurri o neri. Adesso, la possibilità è che una miss possa avere anche un'altra caratteristica, quella di essere una transessuale. Già, perché la Spagna ha deciso di far concorrere a Miss Universo 2018 Angela Ponce, nata 26 anni fa in Andalusia come maschio, fresca vincitrice del titolo di Miss Universo Spagna a Tarragona. La gara internazionale, nata nel 1952, si terrà nelle Filippine nel dicembre prossimo.

Curiosità ma anche perplessità nella penisola iberica per la stravagante novità. “Credo di essere una delle più preparate per rappresentare il mio paese e per dare una lezione al mondo”, ha spiegato la Ponce al quotidiano spagnolo ABC. E ancora: “Il mio obiettivo è essere portavoce di un messaggio di inclusione, rispetto e diversità non solo per la comunità Lgbtq, ma anche per il mondo intero“, ha affermato Ponce. I concorrenti transgender – come spiega Il Fatto Quotidiano – sono stati autorizzati a competere per Miss Universo sei anni fa, nel 2012, dopo che la concorrente canadese Jenna Talackova era stata squalificata dalla competizione di Miss Universo Canada perché era stato scoperto il suo precedente cambio di sesso. La Talackova fece causa all'organizzazione di Miss Universo riuscendo a convincere la proprietà ad aprire ai trans.

“La società non è educata alla diversità”, ha spiegato la Ponce. “Io non sono una persona strana o bizzarra (weird in originalenda), ma ho solo una storia diversa: una donna che è cresciuta in modo differente rispetto alle altre donne, ma che è realmente una donna”. Ponce ha infine raccontato di aver iniziato a esplorare la sua identità di genere all’età di 11 anni e di aver completato la sua transizione nell’aprile 2014. “Oggi inizia un nuovo ciclo per me, fidanzata con me stessa, con la mia missione di vita, con la Spagna – ha concluso dal suo profilo Facebook la 26enne sivigliana – vado a concorrere per Miss Universo con la consapevolezza e l’impegno di portare avanti un messaggio di inclusione, rispetto, tolleranza, amore per se stessi, amore per gli altri”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com