GIOVEDÌ 20 SETTEMBRE 2018, 00:04, IN TERRIS

L'incredibile caso del primo "nipote surrogato"

I genitori di un 26enne deceduto fanno estrarre il suo sperma per diventare nonni con l'inseminazione artificiale

REDAZIONE
Fecondazione in vitro
Fecondazione in vitro
I

l loro unico figlio maschio è morto a 26 anni per un incidente stradale, ma i due, una benestante coppia inglese di 50enni, sono riusciti lo stesso a realizzare il proprio desiderio di avere un altro erede maschio. Sono diventati genitori seppur in età avanzata? No, semmai sono diventati nonni, ma in un modo piuttosto insolito.


Il fatto

La vicenda - ripresa da Tempi - ha avuto inizio quattro anni fa, quando il giovane è morto cadendo dalla sua moto. I genitori, dopo esser stati informati del tragico evento, si rivolgono ad un urologo per chiedere di estrarre lo sperma del figlio morto. Lo sperma viene congelato e dopo un anno viene trasportato con un corriere medico specializzato a La Jolla, una clinica di San Diego, in California, specializzata in fecondazione artificiale. La coppia inglese si occupa anche di trovare una donatrice di ovuli, dopo di che si procede con la fecondazione in vitro: vengono creati quattro embrioni e si procede alla selezione di genere per identificare un maschio. L’embrione viene impiantato in una madre surrogata americana e nel 2015 nasce un bambino. Sbrigati Oltreoceano i documenti necessari per diventare i genitori legali del piccolo, i nonni tornano a casa con il bebè tra le braccia.


Le polemiche

La storia di questo "nipote surrogato" ha suscitato dibattito in Gran Bretagna. Il Daily Mail ha raccolto l'opinione del dott. David Smotrich, pioniere della fecondazione artificiale già noto alle cronache per aver aiutato la prima coppia gay in America ad “avere un bambino” in provetta (1997). Il medico ha detto che "questa coppia inglese aveva perso il proprio figlio in circostanze tragiche, volevano disperatamente un erede e un nipote. È stato un privilegio aiutarli". Certo, - ha aggiunto - "produrre un bambino usando uno sperma estratto postumo è un fatto eccezionalmente raro. Io l’ho fatto solo cinque volte". Allan Pacey, ex presidente della British Fertility Society, indica però le ombre dal punto di vista etico, perché non c'era il consenso della persona deceduta a prendere il suo sperma. "È come un furto", gli ha fatto eco la psicoterapeuta Annabel GilesGood Morning Britain, "inoltre quali genitori avrebbero come primo pensiero, appena scoperto che il figlio è morto, quello di raccogliere il suo sperma in tempi rapidi per avere un nipote?". Non è dello stesso avviso Barrie Drewitt-Barlow, uno dei primi padri omosessuali britannici che ha speso 65mila sterline per ottenere un figlio in laboratorio, che ribatte: "Sua madre stava attraversando il dolore della perdita di un figlio e questo è stato il suo modo per farlo sopravvivere. Chi siamo noi per giudicare? La tecnologia c’è. Perché non usarla?".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
BULGARIA

Incendio in una fabbrica di munizioni: ci sono feriti

Un incidente simile si è verificato anche lo scorso 14 marzo: due dipendenti sono morti
L'ingresso del consolato saudita a Istanbul
GIALLO KHASHOGGI

Stop alle comunicazioni tra investigatori turchi e sauditi

La gestione delle interlocuzioni viene presa in carico direttamente da Ankara
GIORNATA MONDIALE DEL RIFIUTO DELLA MISERIA

Caritas: in Italia un esercito di poveri in attesa

Don Soddu: "Restituire dignità alle persone può migliorare il Paese"
Detenuti a Guantanamo
USA

Altri 25 anni di Guantanamo

Il Pentagono: "Il programma va avanti". Restano, però, i sospetti di tortura
Mimmo Lucano
IL CASO

Lucano ha lasciato Riace

Ieri il Tribunale del riesame ha disposto il divieto di dimora per il sindaco calabrese
Asino che raglia

Ragli e tagli

Dopo la Camera dei Deputati, via libera anche al Senato per il taglio dei cosiddetti vitalizi....