SABATO 19 GENNAIO 2019, 00:04, IN TERRIS

Ipersessualizzazione a scuola: una denuncia

Generazione Famiglia Bergamo: "Nessuno parli più ai bambini di sesso orale senza consenso dei genitori"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Bambini a scuola
Bambini a scuola
“I

 genitori di bambini alle elementari protestano e fanno bene: nessuno gli parli più di sesso orale senza il loro consenso”: è la denuncia del circolo di Generazione Famiglia Bergamo, nella persona della portavoce Elena Pisani dopo essere stati contattati da genitori aventi figli iscritti in un istituto comprensivo, scandalizzati dalle tematiche sessuali affrontate a scuola l’anno precedente, preoccupati per il rischio del ripetersi dell’accaduto.


I malesseri dei bambini

“In virtù di quanto accaduto l’anno scorso", ha tuonato il presidente di Generazione Famiglia Jacopo Coghe, "i genitori chiedono di essere tempestivamente informati, quest’anno, sui corsi destinati ai loro figli riguardanti tematiche sensibili e intime, per poter decidere consapevolmente, come da Nota Miur 19534 del 20 Novembre 2018 che introduce importanti disposizioni sul consenso informato”. “Cosa è successo l’altra volta? A seguito del corso di affettività e sessualità svoltosi lo scorso anno, ragazzini delle classi quinte hanno manifestato in famiglia molteplici malesseri – ha denunciato Generazione Famiglia – e questo dopo che, per esempio, gli era stato spiegato anche il sesso orale come un ‘bacio particolare’ che si danno le persone oppure hanno dovuto 'giocare' a vedere la sessualità con lo sguardo degli adulti, causando una serie di imbarazzi e domande anonime da dover riporre in una scatolina e lette dalla psicologa, senza nessun filtro”.


La denuncia

“Sulla base di quanto dichiarato dai papà e dalle mamme, c’è stata molta differenza tra la presentazione del suddetto corso, e il suo reale svolgimento – ha proseguito Generazione Famiglia Bergamo - trasformando ogni domanda in materia da trattare. Più che di affettività ci si è spinti su una sessualità simil-pornografica, con tanto di spiegazione della figura adulta di riferimento”. “Come Generazione Famiglia – ha concluso Jacopo Coghe, il presidente dell’associazione tra le promotrici del Family Day - denunciamo la pericolosità di ipersessualizzare precocemente bambini fin troppo piccoli, e avvertiamo che vigileremo affinché vengano rispettate da tutte le scuole le disposizioni contenute nella circolare ministeriale, in cui viene riconosciuto il diritto di priorità educativa dei genitori, in particolare, riguardo le attività di ampliamento dell’offerta formativa, perché i genitori possano ricevere un’adeguata e tempestiva informazione”.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS

Quando le alchimie politiche non pagano

Dunque l’azione di governo s’interrompe qui. E finisce poco prima delle sedici di un martedì...
Matteo Renzi, Ignazio La Russa, Anna Maria Bernini ed Emma Bonino
CRISI DI GOVERNO

Tra voto e nuovo governo: il dibattito in Senato

Si susseguono gli interventi dei rappresentanti politici dopo i discorsi di Conte e Salvini
Giuseppe Conte e Matteo Salvini
CRISI DI GOVERNO

Conte ai senatori: "Rassegnerò le mie dimissioni"

Il presidente del Consiglio relaziona in Aula sugli scenari aperti dalla crisi
ISTRUZIONE

A rischio il ritorno dell'educazione civica a scuola

La legge non è ancora in Gazzetta ufficiale. La soluzione in extremis, pubblicarla e farla valere dalla riapertura...
Mario Balotelli durante la presentazione
SERIE A

La grande chance per Balotelli

La familiarità dell'ambiente di Brescia e il sogno Azzurro: un'opportunità per il rilancio definitivo
La nave militare Audaz messa a disposizione del Governo spagnolo
MAR MEDITERRANEO

Open Arms, la nave militare spagnola in soccorso dei migranti

La decisione presa dopo che alcuni profughi si sono buttati in acqua