VENERDÌ 11 GENNAIO 2019, 002:30, IN TERRIS


ODIO SUL WEB

Insulti social ad Annalisa Minetti: "Sei cieca, non dovevi far figli"

Alcuni haters offendono sui social la cantante e atleta paralimpica. La replica: "Vivrò sempre di più"

REDAZIONE
La foto del post di Annalisa Minetti
La foto del post di Annalisa Minetti
H

ater: termine che indica qualcuno che, da dietro uno schermo, si ritiene coperto abbastanza da poter offrire insulti gratuiti a chiunque, senza pericolo di ritorsioni né, tantomeno, di rivelare la propria identità. In alcune occasioni, però, l'offensiva contro un determinato personaggio raggiunge livelli esagerati, che intaccano la sfera privata e ledono la dignità delle persone, in nome di un pensiero che, a volte, si dimostra ben più ottuso di quanto si voglia far credere. A ogni modo, al di là della demagogia sulla società odierna, resta il singolo fatto: brutto e offensivo, nei confronti di una persona e della sua famiglia. Persona che, in questo caso, è la cantante Annalisa Minetti, finita nel mirino degli "odiatori" virtuali per aver partorito un bimbo nonostante la sua condizione di non vedente.


Messaggi sprezzanti

"Io non avrei messo al mondo dei figli che non potrei mai vedere". Questo uno dei messaggi choc rivolti alla cantante (vincitrice del Festival di Sanremo nel 1998), affetta da una patolagia agli occhi fin dall'adolescenza e, per questo, finita al centro dell'odio da tastiera di perfetti sconosciuti: tutto non solo per aver messo una sua foto con la piccola figlia in braccio al termine di un esame universitario appena sostenuto, ma per aver scelto di essere mamma. "Purtroppo per chi mi augura di restare chiusa in casa - la replica -, mi vedrete presto in nuove sfide per la musica e per lo sport. E continuerò a condividere la felicità di crescere i miei figli con le tante persone che mi seguono e che sono nel mio cuore".

La cantante e atleta paralimpica ha ricevuto insulti dello stesso tenore in una serie di altri commenti, riportati poi dal giornalista e attivista Iacopo Melio su Facebook: una trafila di termini dispregiativi e "opinioni" non richieste che hanno guastato il momento di condivisione che la Minetti voleva trasmettere postando quella foto. Per fortuna, di rimando, una serie altrettanto ampia di utenti ha messo a tacere gli odiatori del web, respingendo al mittente critiche e insinuazioni. Messe da parte ma non cancellate perché, troppo spesso, da parte di qualcuno il mondo social diviene terreno per dar sfogo a comportamenti deprecabili ai quali sarebbe bene mettere un freno.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
BOLOGNA

Smantellato cartello di agenzie funebri, 30 arresti

I militari stanno procedendo anche ad un sequestro preventivo di beni per circa 13 milioni di euro
L'esplosione
FRANCIA

Esplosione in un'università di Lione

La deflagrazione avrebbe coinvolto la biblioteca scientifica dell'ateneo
Intervento del card. Bassetti in Sala Zuccari del Senato
SENATO

Andreotti: "Ho combattuto la mafia con atti pubblici"

Presentato ieri il libro "I miei santi in paradiso". Card. Bassetti: "Si battè per collocare l'Italia...
Caporalato
LAVORO SFRUTTATO

Caporalato: nuovi arresti

A Latina stranieri impiegati in "condizioni disumane". Ieri operazione in Basilicata
Il germoglio di cotone coltivato sulla Luna dai cinesi

Il cotone sulla Luna

Nata una piantina di cotone sulla Luna, in una serra appositamente allestita da cinesi, in conseguenza di un programma...
Mark Zuckerberg
LA STRETTA

Spot elettorali: giro di vite di Facebook

Il colosso di Zuckerberg vuole evitare un nuovo Russiagate