Insulti alla senatrice Segre, presidente Fico: “Orribile macchia che segna questa giornata”

La ferma condanna della politica e delle istituzioni per le parole proferite da un partecipante durante un corteo di contrari al Green pass a Bologna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:52
Segre

Agli insulti rivolti a Liliana Segre durante una manifestazione contro il Green pass che si è tenuta oggi a Bologna hanno risposto diversi esponenti politici e rappresentanti delle istituzioni manifestando la loro solidarietà e la loro vicinanza alla senatrice a vita, condannando quelle parole.

Cosa è successo

Nel corso di una manifestazione di contrari al certificato verde che si è tenuta a Bologna, sfilando sotto la sede della Regione Emilia Romagna e della Rai, oltre ai cori contro il presidente del Consiglio Mario Draghi e il segretario generale della Cgil Maurizio Landini, da uno dei partecipanti al corteo che aveva preso parola al megafono sono state usate parole offensive nei confronti della senatrice.

Le reazioni

Una ferma condanna per gli insulti e solidarietà alla Segre è stata la reazione di esponenti politici e istituzionali. Le parlamentari bolognesi del Movimento 5 Stelle Alessandra Carbonaro e Michela Montevecchi hanno dichiarato: “Alcuni manifestanti no green pass a Bologna hanno accusato Liliana Segre di tradire il suo passato nel sostenere la certificazione verde. Accostare le misure di sicurezza che il Governo attua per lasciarci alle spalle la pandemia al regime nazista è terrificante e dimostra quanto la protesta stia scavalcando i limiti della ragione. Massima solidarietà alla Segre, della quale ancora una volta si tira in ballo il drammatico passato senza cognizione di causa”.

Su Facebook il deputato del Partito democratico Emanuele Fiano, della presidenza del gruppo dem a Montecitorio, ha scritto: “Non sono persone normali quelle che insultano Liliana Segre dal palco dei #NoGreenPass di Bologna. Sono espressione di una patologia sociale, di ignoranza, inciviltà, di rabbia animale. Mi auguro che intervenga la magistratura, queste espressioni minacciose sono un insulto a tutti noi. Dal palco improvvisato di piazza Maggiore attacchi alla senatrice Liliana Segre da parte di Gian Marco #Capitani del movimento No Green Pass, Primum non nocere: ‘Una donna vergognosa che dovrebbe sparire’. Chiunque ha responsabilità politiche e istituzionali in questo Paese, ad ogni livello, dovrebbe condannare queste parole ed isolare costoro dal consesso civile senza mai offrire la benché minima sponda. Il dissenso è il sale della democrazia, la violenza verbale è l‘inizio della sua fine

I presidenti delle Camere

Ha affidato il suo pensiero a un post il presidente della Camera dei deputati Roberto Fico: “Le parole d’odio su Liliana Segre sono una orribile macchia che segna questa giornata. A lei la vicinanza mia e di Montecitorio”. Lo scrive in un post il presidente della Camera Roberto Fico.

Inaccettabili e vergognosi gli insulti alla senatrice Liliana Segre, una donna straordinaria che con coraggio, attraverso tutta la sua vita, ha testimoniato la necessità di opporsi alla discriminazione e alla violenza, a tutela dei diritti di tutti”, così il presidente del Senato Elisabetta Casellati.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.