Insulti razzisti ad una donna anziana sull'aereo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Insulti razzisti verso un'anziana donna, costretta a spostarsi mentre l'uomo che la importunava è rimasto tranquillamente seduto al proprio posto. Accade su un volo Ryanair in partenza da Barcellona verso l'aeroporto di Stansted, nei pressi di Londra. La vittima è una donna di origine giamaicana, residente nel Regno Unito dagli anni '60. E' stata aggredita verbalmente con insulti razzisti da uomo seduto vicino a lei, e il  video, pubblicato su Facebook e su Twitter, è diventato virale e ha raggiunto già migliaia di persone.

#show_tweet#

Il racconto dei testimoni

Secondo alcune testimonianze, tutto era molto tranquillo, e mentre il personale dava le direttive per decollare, all'improvviso un uomo è salito a bordo, è arrivato al posto assegnato e si è rivolto molto duramente a una donna vicino a lui. A voce alta e con fare aggressivo, avrebbe gridato contro la donna, dicendole “levati dai piedi”, “spostati”, “non dovresti essere seduta qui”, ha raccontato a BBC Radio 5 Live David Lawrence, il testimone che ha girato il filmato. Poco dopo è intervenuta anche la figlia della donna, che ha iniziato a litigare con il passeggero. “Se mi fossi comportata io come ha fatto lui – o qualsiasi altra persona nera – avrebbero chiamato la polizia e ci avrebbero cacciati dall'aereo”, ha detto all'Huffington Post.

L'indignazione del web

Quello che ha indignato il web, oltre agli insulti dell'uomo, è che si vede un membro dello staff intervenire non per allontanare lui ma per chiedere alla donna di cambiare posto. Diversi parlamentari britannici e scozzesi hanno criticato durante l'accaduto. Ryanair ha fatto sapere di essere a conoscenza dell'incidente e di aver riportato l'accaduto alla polizia dell'Essex”. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.