LUNEDÌ 18 MARZO 2019, 00:04, IN TERRIS


SAVONA

Insulti razzisti a un portiere 14enne

Sospeso per due volte il match dei Giovanissimi fra Priamar e Cairese. La società si scusa

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Calcio
Calcio
U

n episodio decisamente sgradevole quello avvenuto a Cairo Montenotte nel savonese, in Liguria, dove un giovanissimo portiere di origine sudamericana del Priamar, formazione locale, è stato bersagliato durante una partita da vergognosi cori razzisti. Un fatto ancora più grave se si pensa che il ragazzo in questione ha solo 14 anni e che a lanciare i suddetti cori è stato un gruppo di ragazzi non troppo più grandi di lui. Un match giovanile (categoria Giovanissimi) si trasforma dunque nell'ennesimo caso di razzismo sul terreno di gioco che, a quanto pare, non riguarda solo il calcio sotto i grandi riflettori. Il tutto è accaduto mentre la Priamar stava affrontando il team locale della Cairese: in pieno svolgimento della partita, il gruppo (composto da una ventina di persone) ha iniziato ad alzare cori gravemente offensivi nei confronti del ragazzo, costringendo l'arbitro a interrompere per ben due volte la partita.


Le scuse della società

Un episodio che ha provocato stupore e rabbia nella famiglia del ragazzo: "Mio figlio è ferito e amareggiato - ha commentato sua madre -, è un episodio vergognoso che non merita altri commenti se non un intervento deciso della Federazione, non si possono accettare certi episodi". A stretto giro, sono arrivate le scuse della società che ospitava il match, arrivate per voce del direttore generale al Secolo XIX: "Condanniamo il gesto. Nessuno deve permettersi di discriminare un'altra persona, ragazzo o adulto, per il colore della pelle. I nostri dirigenti sono subito intervenuti. La Cairese ha fatto dell'accoglienza una delle sue priorità".


Valente: "Ho chiesto a Gravina di intervenire"

Una vicenda, quella di Cairo Montenotte, arrivata anche sui banchi della politica, con il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, il pentastellato Simone Valente, a spiegare che "gli insulti razzisti al giovanissimo portiere del Priamar sono una vergogna che non può lasciarci silenti. Ho chiesto al presidente della Figc Gabriele Gravina di intervenire immediatamente perché è inaccettabile quanto accaduto durante una partita della categoria giovanissimi tra Priamar di Savona e la Cairese".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Armando Siri
IL CASO

Siri, Salvini: "Giudici facciano in fretta"

Il vicepremier: "Si è colpevoli solo con condanna". Morra: "Intollerabile presenza nel governo"
Coltello
ROMA

Gli vede il crocifisso al collo, tenta di sgozzarlo

Il fatto alla vigilia di Pasqua vicino la stazione Termini. Marocchino l'aggressore
Il luogo dell'incidente sul lavoro
TAINO | VARESE

Precipita in fabbrica: morto figlio del titolare

Inail: nel 2019 + 3,5% di morti bianche rispetto allo stesso periodo dello scorso anno
Offerte di lavoro

Aiuti al Sud

Andranno in vigore dal primo maggio esoneri contributivi per le aziende che assumono a tempo indeterminato i...
Una scarpa abbandonata, una delle immagini simbolo del massacro
STRAGE DI PASQUA

Sri Lanka, chi sono le vittime del massacro

Britannici, statunitensi, indiani, cingalesi: 290 vite spezzate dalla follia del terrorismo