Insetto nel raviolo: protesta e la cacciano con la scopa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Disavventura per una 35enne di Torino, al sesto mese di gravidanza. Tornata a casa dopo aver ritirato un pranzo in un ristorante cinese take-away situato proprio nel capoluogo piemontese, si è accorta che dentro uno dei suoi ravioli al vapore, assieme al consueto ripieno di carne, era presente anche un insetto, ospite indesiderato oltre che segno di una, per così dire, non perfetta igiene della tavola calda in questione. Ma l'evidente scivolone del ristoratore, oltre allo stato interessante della donna, non è stato sufficiente per risolvere il tutto con delle semplici scuse o altri gesti di cortesia (un rimborso, piuttosto che una cena omaggio): il proprietario del locale, infatti, si è fortemente risentito per l'osservazione della donna e, armato di scopa, ha provveduto ad allontanarla dal suo ristorante, mettendo in scena una reazione decisamente fuori luogo, anche considerando lo stato della sua cliente.

Denuncia doppia

La 35enne, dopo aver ricevuto due colpi con il manico della scopa, è fuggita in un bar vicino, dal quale ha chiamato il 112. Sul posto è giunta anche un'ambulanza, per verificare che il suo stato, come quello del bambino in grembo, fosse buono. Fortunatamente, né mamma né bimbo hanno riportato danni dalle percosse ricevute, se non (per la donna) uno spavento misto a incredulità per il doppio torto subito. Ora, la futura mamma ha deciso di sporgere denuncia nei confronti del gestore del take-away cinese, sia per l'insetto finito nel cibo che per la reazione violenta dell'uomo. Di certo, non una bella pubblicità per il ristorante che, denuncia o meno, rischia di pagare il duro scotto del cattivo passaprola a causa della sua doppia caduta di stile. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.