In India bambine nude in processione per propiziare gli dei, il video shock sui social

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:16

Fa discutere in India la pubblicazione sui social di un video che riprende un’usanza tribale in cui sei bambine, alcune delle quali di neppure cinque anni, vengono fatte sfilare nude in processione. Il fatto è avvenuto in un villaggio dell’India centrale, durante un rituale per propiziare la pioggia.

Si tratta di un remoto distretto dello Stato del Madhya Pradesh, colpito dalla siccità. Le immagini, condivise più volte, mostrano le bambine che visitano tutte le capanne del villaggio, portando bastoni di legno a cui sono appese delle rane, seguite da donne che cantano inni.

La Commissione nazionale per la Protezione dei diritti dell’Infanzia ha chiesto alla Polizia del distretto un resoconto sull’accaduto, ma gli agenti del luogo rispondono di non avere ricevuto alcuna denuncia e che interverranno solo se scopriranno che le bambine sono state costrette alla sfilata con la violenza.

Secondo il Commissario S Krishna, Chaitanya tutti genitori delle bambine avevano dato il consenso e hanno partecipato loro stessi al rito. “Gli abitanti di queste zone credono che questo sia un modo per garantirsi la benevolenza degli dei”, ha detto all’agenzia Pti. “In casi come questi, possiamo solo spiegare l’inutilità della superstizione e tentare di far capire che con queste pratiche non si ottiene nulla”.

L’agricoltura indiana dipende in larga misura delle precipitazioni monsoniche e tutte le comunità inscenano riti tradizionali, alcuni decisamente bizzarri: dal bruciare cataste di cibo e sementi, alle “nozze” di ranocchi, rane e asini, alle veglie con canti. Gli antropologi ricordano che queste pratiche rappresentano la disperazione di chi sa che non c’è altro da fare per garantirsi la sopravvivenza.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.