MERCOLEDÌ 08 LUGLIO 2015, 000:20, IN TERRIS

IN RUSSIA UNA STATUA PER CELEBRARE STALIN

AUTORE OSPITE
IN RUSSIA UNA STATUA PER CELEBRARE STALIN
IN RUSSIA UNA STATUA PER CELEBRARE STALIN
Venti milioni di morti (ma sulle cifre esatte gli storici ancora non sono d'accordo) non bastano per essere annoverati nella lista nera dei più grandi assassini di tutti i tempi. In Russia c'è ancora qualcuno che ricorda Josif Stalin come uno statista, protagonista e vincitore della "guerra patriottica", vale a dire quella combattuta dall'Urss sul fronte orientale dopo l'inizio dell'operazione "Barbarossa" da parte delle forze dell'Asse. Così nel villaggio di Koroshevo, a 230 chilometri da Mosca, sono stati inaugurati una statua e un museo dedicati all'"uomo di ferro".La scelta del luogo è legata al fatto che qui il leader sovietico trascorse una notte (il 5 agosto 1943) dopo il successo della controffensiva dell'Armata Rossa contro i nazisti a Ovest. Insomma una celebrazione in pieno stile. Peccato che oggetto di venerazione sia un personaggio spietato, mandante di efferati crimini contro l'umanità al pari di Adolf Hitler.

Nonostante le critiche mossegli nell'ultima parte della sua vita da Lenin e il duro contrasto con Trockij, Stalin, alla morte del capo bolscevico, assunse progressivamente, grazie alla sua abilità organizzativa e politica e al ruolo di segretario generale del partito, il potere supremo in Unione Sovietica. Dopo aver sconfitto politicamente prima la sinistra di Trockij, poi l'alleanza tra Trockij, Zinovev, Kamenev e poi la destra di Bucharin, Rykov e Tomskji, adottò una prudente politica di costruzione del "socialismo in un solo paese", mentre nel campo economico mise in atto le politiche estremistiche di interruzione della Nep, di collettivizzazione forzata delle campagne e di industrializzazione mediante i Piani Quinquennali, lo stakanovismo e la crescita dell'industria pesante.

A metà degli anni trenta, in una fase di superamento delle difficoltà economiche e di crescita industriale, Stalin iniziò il tragico periodo delle purghe e del Grande terrore in cui progressivamente eliminò fisicamente, con un metodico e spietato programma di repressione, tutti i suoi reali o presunti avversari nel partito, nell'economia, nella scienza, nelle forze armate, nelle minoranze etniche. Per rafforzare il suo potere e lo stato sovietico contro possibili minacce esterne o interne di disgregazione, Stalin organizzò un vasto sistema di campi di detenzione e lavoro (i famigerati Gulag) in cui furono imprigionati in condizioni miserevoli milioni di persone. Un curriculum nero, altro che statue.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018
Il Segretario del Pd Matteo Renzi
ELEZIONI

Renzi: "Il Pd sarà il primo partito"

"Boschi oggetto di un’attenzione spasmodica, si deve candidare"
Esempi di colture in una 'serra marziana' (fonte: Enea)
HORTEXTREME

Il primo "orto marziano" è Made in Italy

Ben 4 le prime verdure consegnate al Forum spaziale austriaco
Poliziotti russi (repertorio)
TERRORISMO

Sventato attacco dell'Isis a San Pietroburgo

Putin ha ringraziato Trump per le informazioni passate dalla Cia all'Fsb
 Rebecca Dykes, la vittima
LIBANO

Giallo sulla morte di una diplomatica britannica

Il cadavere della donna è stato rinvenuto lungo un'autostrada. E' stata strangolata
Robert Mueller
RUSSIAGATE

Accuse a Mueller: "Mail acquisite in modo illegale"

Lo sostiene Kory Langhofer, legale di "Trump of America". La replica: "Avevamo il consenso"