MERCOLEDÌ 20 MARZO 2019, 00:04, IN TERRIS

Lo scandalo della Madonna pro-aborto

Grave provocazione l'8 marzo scorso a Buenos Aires: statua di Maria con il fazzoletto abortista

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Statua della Madonna con fazzoletto pro-aborto. Photo AciPrensa
Statua della Madonna con fazzoletto pro-aborto. Photo AciPrensa
B

lasfemia a Buenos Aires, in Argentina. Le scorribande delle femministe, in occasione dell'8 marzo, hanno toccato un picco nella vetrina di un centro culturale presso una libreria della capitale: una statua della Madonna profanata con un fazzoletto verde, simbolo del movimento abortista, che nei mesi scorsi ha organizzato marce e mobilitazioni per chiedere al Parlamento (per ora invano) la legalizzazione dell'aborto.


La denuncia

Il fatto è stato denunciato da due donne, che lo hanno denunciato alla polizia per “incitamento alla violenza e discriminazione”. Le denuncianti ritengono l’atto un’“offesa religiosa e una violazione del primo diritto umano”. La profanazione di un simbolo religioso, con grave offesa nei confronti dei fedeli che lo venerano, rappresenta un episodio di intolleranza religiosa e può essere considerata un crimine in base alla legislazione vigente in Argentina. Secondo la pagina Facebook del centro culturale - come riporta Aleteia - la cosiddetta “opera” sarebbe stata esibita nella biblioteca per l’“esposizione femminista collettiva Para Todes, Tode [Plano de Luta], curata da Kekena Corvalan”. Il direttore della libreria - secondo quanto si legge su Aci Digital - si sarebbe scusato sostenendo che “sono stati gli impiegati a ‘imbavagliare’ l’immagine”. L'organizzazione pro-vita Marcha de los Escarpines, intervenuta sulla questione, ha però respinto al mittente le scuse: “Alla fine del pomeriggio era tutto uguale. Al di là delle promesse, nessuno ha agito per ritirare l’imamagine il giorno della festa della donna. Una vera offesa alla dignità femminile e alle nostre convinzioni”.


L'intervento degli avvocati cattolici

Sulla vicenda è intervenuta anche la Corporazione degli Avvocati Cattolici d'Argentina, per chiedere al Ministero della Giustizia di applicare una serie di misure amministrative contro il centro culturale e i responsabili dell'esibizione della statua. Oltre a chiedere interventi penali, gli avvocati chiedono scuse pubbliche alla comunità cattolica perché il gesto "costituisce un insulto per tutti i cristiani" che venerano Maria come "Madre di Gesù e nostra Madre", "così come un attacco ai nostri sentimenti religiosi più profondi".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Khalifa Haftar
LIBIA

Mandato d'arresto per Haftar

Lo ha emesso il procuratore militare. Tripoli interrompe la cooperazione con Parigi
Greta Thunberg
CLIMA

Greta va al Senato: "Vogliamo che agiate"

La giovanissima attivista svedese parla nella Sala Koch: "Ci avete rubato il futuro. Non vogliamo selfie ma le nostre...
Cocaina
TORINO

Poliziotto romeno infiltrato fra i narcos: 2 arresti

E' la prima volta che accade in Italia, scoperte ingenti quantità di droga
Mons. Michele Seccia, arcivescovo di Lecce
LECCE

Mons. Seccia lava i piedi a 12 detenuti

L'arcivescovo è atteso oggi presso la casa circondariale di Borgo San Nicola
Mike Pompeo
USA-COREA DEL NORD

Pyongyang contro Pompeo: "E' un ostacolo"

Chiesto un altro negoziatore al posto del segretario di Stato: "Non ci capisce"
Giovanni Tria

L'Iva aumenta oppure no?

Di Maio smentisce: "Nessun aumento per fare la flat tax, Tria frainteso". Ma le opposizioni attaccano