Il regno di Frozen? Esiste ma è invaso dai turisti…

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:56

E'un fiordo da sogno quello su cui sorge Arendelle, fantastica cittadina dove sorge il castello della regina Elsa e di sua sorella, la principessa Anna, protagoniste del fil Disney Frozen e del suo seguito, come il precedente uscito a ridosso delle festività natalizie, in perfetta assonanza con il proprio nome. Forse non tutti sanno (o sapevano a questo punto) che gli sceneggiatori del film non hanno attinto solo dalla loro fantasia per realizzare il magnifico scorcio di Arendelle che, molto più concretamente, è frutto di un'ispirazione decisamente azzeccata: il regno, infatti, ricalca nelle fattezze il caratteristico e pittoresco borgo di Hallstatt, in Austria. Un paesino di poco più di 700 abitanti ma considerato Patrimonio dell'umanità dall'Unesco e di una belleza folgorante, incastonato fra le vette austriache e il bellissimo lago omonimo, che si estende ai piedi dei monti del Dachstein che si specchiano sulla superficie, donando alla cittadina davvero un tocco di magia.

L'allarme

Una fama meritata quella di Hallstatt, nota ai turisti come agli storici (per via della cosiddetta Cultura di Hallstatt), ma di cui forse, dopo l'uscita di Frozen, nel 2013, avrebbe fatto volentieri a meno. L'incredibile somiglianza con il regno di Arendelle, parte dello scenario di azione del film Premio Oscar, ha infatti attirato schiere immense di visitatori, decisamente troppi per una cittadina così piccola che, inevitabilmente, si trova a dover fronteggiare una vera e propria invasione, che rischia di turbare la tranquillità del paesino e di intaccarne la bellezza immacolata. L'allarme arriva direttamente dal primo cittadino, Alexander Scheutz, secondo il quale Hallstatt non è più in grado di sopportare una tale massa di turisti: “La città è un importante pezzo di storia culturale di questo Paese – ha tuonato il sindaco -, non un museo”.

Invasione

Il punto non è solo il successo del film ma anche la posizione della cittadina, comodamente raggiungibile sia da Salisburgo (distante appena un'ora) che da Vienna. Il che la rende ideale per essere inserita in un pacchetto viaggio, come parte integrante di un tour fra le bellezze austriache, portando sulle rive del lago cifre inverosimili di visitatori per un borgo di così piccole dimensioni (si parla addirittura di 10 mila turisti al giorno nei periodi più intensi). Probabilmente lo scotto che la bellezza a volte costringe a pagare…

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.