DOMENICA 13 GENNAIO 2019, 00:04, IN TERRIS


SUDAFRICA

Maestro separa i bimbi bianchi dai neri

Putiferio nella scuola nel centro rurale di Schweizer-Reneke

MILENA CASTIGLI
La foto che ha indignato i genitori neri
La foto che ha indignato i genitori neri
A

partheid senza fine in Sudafrica. E' quanto emerso nei giorni scorsi dopo che in rete è circolata una foto a dir poco inquitenante dove si vede una classe elementare i cui bambini sono stati divisi dal maestro a seconda del colore della pelle: i bimbi bianchi erano stati fatti sedere tutti insieme in un tavolo grande posto al centro della stanza, mentre quelli di colore in uno più piccolo e posto in un angolo.


La foto in chat

Ironia della sorte, la foto era stata scattata dallo stesso maestro e condivisa sul gruppo genitori di whatsapp per sottolineare che il primo giorno di scuola era andato bene. Ma la suddivisione non era passata inosservata, suscitando così le ire dei genitori di colore. A nulla era valso il tentativo di rimediare del maestro, che aveva postato poco dopo altre foto con i bimbi seduti in maniera mista: lo scandalo era ormai scoppiato. Sommersi da richieste di spiegazioni, le autorità del centro rurale di Schweizer-Reneke - dove si trova la scuola elementare - hanno preso posizione "condannando fortemente" l'episodio e avviando un'inchiesta interna. Intanto, in attesa del giudizio, l'insegnante è stato sospeso dal suo ruolo di educatore "con effetto immediato".


Razzismo, anche contro i bianchi

Il caso ha messo in evidenza gli strascichi razzisti ancora esistenti in un Paese, come il Sudafrica, che per decenni ha combattuto contro l'apartheid (in italiano, letteralmente "separazione", "partizione"), la politica di segregazione razziale istituita nel 1948 dal governo di etnia bianca e rimasta in vigore fino al 1994. Strascichi razzisti che, secono molti osservatori, hanno spesso come vittime i bianchi. Ha fatto discutere a livello internazionale lo stillicidio di aggressioni nei confronti dei proprietari terrieri bianchi: alcune stime parlano di 72 omicidi di contadini bianchi in oltre 340 attacchi nelle fattorie. “Un agricoltore ha 4-5 volte più possibilità di essere assassinato in Sudafrica, rispetto a un sudafricano medio”, ha denunciato Ian Cameron, dell’ong AfriForum, che difende la cultura afrikaner (cioè dei discendenti olandesi del Paese).

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Trump e Netanyahu
MEDIO ORIENTE

Trump: "Il Golan appartiene a Israele"

Sovranità riconosciuta durante la visita di Netanyahu a Washington
Mick Schumacher
F1

Ferrari, test in vista per Mick Schumacher

Lo rivela Motorsport.com: il 20enne figlio di Michael potrebbe girare sulla SF90 di Vettel e Leclerc dopo il Gp del Bahrein
Le bandiere di Germania e Francia
PARIGI

Va in scena l'asse franco-tedesco

Prima riunione del "Parlamento" congiunto, nato dall'accordo Merkel-Macron
Igor il Russo
BOLOGNA

Condanna all'ergastolo per Igor il Russo

Il killer serbo Norbert Feher a processo (con rito abbreviato) per gli omicidi di Davide Fabbri e Valerio Verri
Nathalie Loiseau
FRANCIA

Correrà alle Europee, lascia un ministro

Nathalie Loiseau si dimetterà dagli Affari Ue per guidare la lista di En Marche
Rogelio Maria Pizzi
BOLOGNA

Malore in campo: muore calciatore 22enne

Rogelio Maria Pizzi (detto "Roger") militava con la Polisportiva Argelatese in seconda categoria