DOMENICA 23 DICEMBRE 2018, 00:05, IN TERRIS


GERMANIA

Il famoso giornalista inventava le notizie

Il celebre reporte Claas Relotius è stato licenziato da Der Spiegel dopo aver ammesso la truffa

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il reporter Claas Relotius del settimanale tedesco Der Spiegel
Il reporter Claas Relotius del settimanale tedesco Der Spiegel
E

ra uno stimatissimo giornalista, peccato che si inventasse le notizie. Il caso ha del clamoroso e ha fatto in breve tempo il giro del mondo: il trentatreenne Claas Relotius, uno dei reporter più celebri e premiati di Der Spiegel - il principale settimanale tedesco - ha inventato molti dei propri scoop, falsificando testimonianze e creando dal nulla fonti e protagonisti estranei alla vicenda. È lo stesso giornale tedesco a rivelare la truffa, definita "il punto più basso della nostra storia lunga oltre settant'anni".

Il giornalista in questione non è uno sprovveduto alle prime armi, anzi. Nominato "Journalist of the Year" dalla Cnn nonché insignito dell'European Press Prize, i suoi reportage ha vinto tutti i più importanti premi giornalistici tedeschi, tra cui il Premio per il reporter dell'anno e il Premio Peter Scholl-Latour. 


I primi sospetti

I primi sospetti erano emersi a novembre, dopo un pezzo scritto da Relotius - che lavora allo Spiegel da 7 anni - dall'Arizona, in America. Un collega statunitense del reporter si è chiesto come fosse possibile aver fatto un reportage senza essere mai andato in Arizona a raccogliere dati e fonti. Insospettito, ha iniziato ad indagare su di lui, raccogliendo indizi e prove che smascheravano l'operato dell'illustre collega tedesco.

Prove che inizialmente vennero accolte con notevole scetticismo dalla redazione del settimanale. Ma la certezza delle accuse è arrivata quando - dopo l'ennesima fonte senza riscontro - Relotius ha ammesso la frode confessando che almeno 14 dei suoi testi - sui 60 scritti durante la permanenza allo Spiegel - sono in gran parte dei "fake", tra citazioni fasulle, dettagli inventati e luoghi fittizi. Un grosso lavoro di immaginazione buono per uno scrittore di romanzi ma assolutamente indegno per un professionista dell'informazione che gli ha valso l'immediato licenziamento. Chissa che lo scandalo "Relotiusgate" non porti alla luce una prassi tra le grandi firme ben più estesa e sottaciuta del singolo caso.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Mercantile in porto
MERCATO DEL LAVORO

L’economia del mare a quota 200 mila imprese

Alla giornata nazionale della Blue economy (24-26 ottobre) le aziende del settore marittimo si incontrano a Formia e Gaeta
Inquinamento in una città italiana
DATI EUROPEI

Rapporto choc: l'Italia primo Paese dove si muore per inquinamento

Tassi altissimi al nord. Torino più inquinata di Parigi
Papa Francesco durante l'Udienza - Foto © Vatican Media
UDIENZA GENERALE

Il Papa: "L'evangelizzatore favorisce l'incontro di cuori"

Il Santo Padre continua la sua catechesi sugli Atti degli Apostoli
San Giovanni Paolo II abbraccia un bambino
INAUGURAZIONE

In Spagna la famiglia secondo Karol Wojtyla

Aperta la nuova sezione del Pontificio Istituto teologico Giovanni Paolo II a Madrid
16 ottobre 1943: il rastrellamento del ghetto di Roma
ANTISEMITISMO

Shoah, Raggi: "Roma non dimentica"

Oggi si commemora il rastrellamento del Ghetto avvenuto il 16 ottobre 1943
Ordinazione sacerdotale in Vaticano
LATINA-TERRACINA-SEZZE-PRIVERNO

Una lampada itinerante per le vocazioni

L'icona di una Madonna con il Bambino della famiglia di santa Maria Goretti accompagna il pellegrinaggio
Bus incidentato (immagine di repertorio)
VIA CASSIA

Bus si schianta contro un albero: 10 feriti

Il mezzo è finito fuori strada, ancora ignote le cause dell'incidente
La nave Ocean Viking in porto
PUGLIA

Ocean Viking: sbaracati a Taranto 176 migranti

Mons. Santoro: "Oggi fortunatamente possiamo parlare di vita e non di morte"
Chiara Lubich
FRASCATI

Chiara Lubich: si chiude la fase diocesana di beatificazione

Lo studio degli atti proseguirà presso la Congregazione delle cause dei santi
Boris Johnson
REGNO UNITO

Johnson arretra sul backstop, Brexit verso l'accordo

Il premier avrebbe accettato la condizione di Bruxelles, sganciando Belfast dal nuovo mercato britannico
Spaccio
NUOVE MISURE ANTI-TRAFFICANTI

Giro di vite del Viminale contro la droga

Il Ministero dell’Interno chiede ai prefetti più vigilanza sulle piazze di spaccio
Liechtenstein-Italia 0-5. Bernardeschi festeggiato dai compagni dopo la rete del vantaggio - Foto © Twitter
QUALIFICAZIONI EURO 2020

Italia, pokerissimo al Liechtenstein e filotto da record

Mancini come Pozzo: nove successi di fila. A Vaduz è 5-0: doppietta di Belotti, a segno Bernardeschi, ElSha e Romagnoli