DOMENICA 26 APRILE 2015, 000:01, IN TERRIS

IL CONTRATTO TRA UN TIFOSO E LA MOGLIE: "TI SPOSO SE MI MANDI ALLO STADIO"

AUTORE OSPITE
IL CONTRATTO TRA UN TIFOSO E LA MOGLIE:
IL CONTRATTO TRA UN TIFOSO E LA MOGLIE: "TI SPOSO SE MI MANDI ALLO STADIO"
"Perché perché la domenica mi lasci sempre sola, per andare a vedere la partita, di pallone..." cantava Rita Pavone una quarantina di anni fa. Una verità conosciuta da tante donne, costrette ad aspettare i propri mariti di ritorno dallo stadio o dalla casa di un amico, dove è andato in scena il rituale della domenica pomeriggio. Ma la calciomania può andare anche oltre; ne sa qualcosa una donna di Padova che ha dovuto firmare un accordo prematrimoniale nel quale si impegna a consentire al suo futuro sposo di seguire la squadra del cuore (il Padova appunto) nei giorni delle partite. Il fatto risale al 1997, ma è diventato di dominio pubblico solo negli ultimi giorni, scatenando ironie, commenti scherzosi o vagamente sdegnati. "Io sottoscritta (...) dichiaro che niente avrò a discutere sul Calcio Padova - recita il contratto - ed accetterò che il mio futuro marito si rechi allo stadio per le partite giocate in casa e per tutte quelle in trasferta da lui ritenute importanti ed interessanti".

In cambio, però, la donna ha preteso si essere di accompagnata "ai concerti o agli spettacoli teatrali che le interessavano". La storia è stata scoperta da Telecittà, emittente locale del capoluogo veneto, ed è stata raccontata anche ieri su La 7 a l'Aria che tira. Per la cronaca, dopo 18 anni, il patto regge. "Contenti loro" verrebbe da commentare. E tuttavia il fatto che un passo così importante come il matrimonio possa essere condizionato all'amore per il calcio fa venire un po' di malinconia. Soprattutto in un momento in cui la famiglia viene svilita attraverso leggi come quella sul divorzio breve.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"