VENERDÌ 27 APRILE 2018, 00:04, IN TERRIS


25 APRILE

Gioco choc per bimbi: bastonate al fantoccio di Mussolini

Antifascisti rievocano piazzale Loreto a Macerata, coinvolgendo i più piccoli in una macabra pignatta

SIMONE PELLEGRINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Fantoccio di Mussolini a Macerata
Fantoccio di Mussolini a Macerata
C

ome contribuire a rendere la società di domani ancora più violenta e carica di livore? Semplice: educando all'odio le giovani generazioni. Così come hanno pensato di fare alcuni militanti antifascisti di un centro sociale e di una palestra popolare a Macerata, in occasione dei festeggiamenti per il 25 aprile. La città marchigiana, che a febbraio ha occupato le pagine dei giornali per il brutale omicidio di Pamela, per il raid di Luca Traini e per il corteo contro il razzismo in cui si è inneggiato alla tragedia delle foibe, sembra non trovare pace.

Gli attivisti rossi in piazza Cesare Battisti, in pieno centro città, hanno appeso a testa in giù un manichino di Benito Mussolini, rievocando la mattanza che si consumò in piazzale Loreto, a Milano, al termine della seconda guerra mondiale, quando i corpi privi di vita del duce e della sua amante, Claretta Petacci, furono esposti al pubblico ludibrio. Fu un'immagine, quella, che indignò anche tanti italiani dalle idee agli antipodi da quelle del fascismo. Evidentemente, quell'immagine sta invece a cuore di chi ha organizzato una macabra pignatta col fantoccio di Mussolini a Macerata.

A settant'anni da quei fatti di sangue, gli antifascisti maceratesi hanno coinvolto i bambini in questo brutto gioco: rompere la testa a bastonate al finto duce per conquistare caramelle e dolciumi contenuti all'interno del cranio rasato a zero. Una volta deturpato, il pupazzo in divisa fascista è stato sostituito da un altro manichino pelato in maglia nera e croce celtica sul petto. Come scrive il quotidiano locale Picchio News, potrebbe essere la rappresentazione di Luca Traini o comunque di un generico neofascista.

La pignatta è stata condannata da Romano Carancini, sindaco di Macerata, che l'ha definita “una messa in scena ignobile e indegna". Secondo il primo cittadino si tratta di "una provocazione inaccettabile per la nostra comunità che tradisce il vero senso della Festa del 25 aprile, infanga il significato stesso dell’antifascismo e fa male alla città". Carancini annuncia di aver "comunicato alla Digos, su richiesta della stessa, le circostanze dei fatti e trasmesso i documenti al fine di accertare le eventuali responsabilità, rispetto alle quali l’Amministrazione si riserva ogni azione”.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
TREVISO

Morta dopo aver scelto una chemio non invasiva per partorie

La notizia del tumore al seno durante la gravidanza. Le cure meno forti le consentono di diventare madre, ma muore tre mesi dopo
TASSE

Fino al 25 ottobre è possibile integrare il proprio “730”

Nel caso si sia dimenticata una deduzione o una detrazione, si ricorre al modello integrativo. Per i rimborsi o le compensazioni...
La vittima, Melissa Trotter, e a dx Larry Swearingen
USA

Pena di morte, nuova esecuzione in Texas

Le ultime parole del condannato: "Perdonali, non sanno quello che fanno"
L'epicentro del sisma
LAZIO

Terremoto, scossa nel Tirreno vicino Roma

Non sono stati riportati danni a cose e persone né sulla costa né nella Capitale
Ufficio comunale chiuso
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Quota 100: oltre 10mila domande nella Pa

E' boom di richieste di pensionamento ma è allarme "rimpiazzi" in comuni e ospedali
Carabinieri del Ros in azione
GIARDINI NAXOS

Ndrangheta: arrestato il latitante Riitano

Era ricercato per traffico internazionale di stupefacenti ed altro