Giocattoli contraffatti e senza marchio CE, un maxi sequestro a Como

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:44

I finanzieri del Comando provinciale della Guardia di finanza di Como hanno sequestrato oltre 240.000 tra giocattoli, materiale destinato al settore delle costruzioni e guanti protettivi potenzialmente pericolosi.

Nel corso dei controlli, l’attenzione si è concentrata nei confronti di un maxi-emporio di Como, dove sono stati trovati e sequestrati giocattoli destinati ai più piccoli (in particolare pistole, cartucce giocattolo e giochi di società) privi del marchio CE, delle avvertenze di sicurezza, delle informazioni obbligatorie (previste dalla normativa di settore) e delle relative dichiarazioni di conformità. Normative che consentono la circolazione all’interno dell’Unione Europea. In particolare, alcuni prodotti (pistole giocattolo), non essendo stati sottoposti a verifiche tecniche previste dalla normativa europea potevano essere pericolosi per la salute dei consumatori.

Tra la merce in vendita, i finanzieri hanno trovato anche materiali utilizzati nel settore delle costruzioni e guanti protettivi in plastica, privi delle avvertenze di sicurezza. Nello stesso store sono stati scoperti anche giocattoli contraffatti raffiguranti noti personaggi della Marvel (Spiderman), della MGA Enterteinment (Lol surprise) e della Acamar Films (Bing Bunny), non conformi agli standards di produzione delle case madri.

Il rappresentante legale della società è stato segnalato alla Camera di commercio di Milano per le sanzioni da 1.500 euro a 10.000 euro e da 516 euro a 25.823 euro, mentre il responsabile del punto vendita ove erano stoccati i prodotti contraffatti è stato denunciato alla Procura di Como per contraffazione e ricettazione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.